Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Stazioni di Aulla e Pontremoli sprovviste di servizio assistenza per disabili». Bugliani (Pd) interroga la giunta regionale

Il consigliere regionale: «Entrambi gli scali vedono migliaia di presenze giornaliere svolgendo evidentemente un ruolo centrale per la mobilità di un intero territorio e dei sui cittadini»

MASSA-CARRARA – «Le stazioni ferroviarie di Aulla e Pontremoli vedono migliaia di presenze giornaliere svolgendo evidentemente un ruolo centrale per la mobilità di un intero territorio e dei sui cittadini. Entrambi gli scali sono inseriti nella categoria Silver e vengono presentati come accessibili alle persone con mobilità ridotta. Nonostante questo, però, nell’agosto 2020 e nel novembre dello stesso anno, l’associazione paraplegici della provincia di Massa-Carrara aveva segnalato alla Regione Toscana, alla Direzione regionale di Rfi, oltre alle istituzioni locali della Lunigiana, difficoltà riscontrate dai portatori di handicap sulla linea La Spezia-Parma, per la mancanza di stazioni afferenti alla rete delle sale blu, con particolare riferimento alle stazioni di Aulla, Lunigiana e Pontremoli».
E’ intervenuto così Giacomo Bugliani, consigliere regionale del Pd e presidente della commissione Affari Istituzionali, a proposito delle stazioni di Aulla e Pontremoli, sulle quali ha presentato un’interrogazione alla giunta regionale affinché vengano inserite nell’ambito della rete delle stazioni toscane dotate del servizio di assistenza prm.

«La carta dei servizi Toscana 2021 – spiega Bugliani prevede prestazioni di assistenza gratuita in stazione per le persone con disabilità o con ridotta mobilità e rende disponibile il circuito sala blu di Rfi che garantisce la salita e la discesa al bordo del treno. Le stazioni di Aulla e Pontremoli non sono fornite di tale misura di assistenza. Di conseguenza un disabile proveniente dalla Lunigiana che necessita del servizio di assistenza in stazione si trova costretto a recarsi a Carrara. A fronte di queste segnalazioni e di una situazione di disagio che tutt’ora sussiste, chiedo alla giunta regionale se intenda attivarsi presso i vertici di Rete Ferroviaria Italiana. L’obiettivo è raggiungere una piena accessibilità e fruibilità dei servizi ferroviari da parte del bacino di utenza della Lunigiana, per le stazioni di Aulla e Pontremoli sulla linea La Spezia-Parma; affinché siano inserite nell’ambito della rete delle stazioni toscane dotate del servizio di assistenza prm coordinato ad opera della Sala Blu ubicata nella stazione di Firenze Santa Maria Novella».

«Il servizio di assistenza prm offerto dalle sale blu di rfi, fornisce l’elenco delle 31 stazioni presenti in Toscana dotate del servizio di assistenza prm, tutte afferenti alla sala blu toscana presso la stazione di Firenze Santa Maria Novella – continua il consigliere regionale – Negli ultimi anni, grazie agli accordi stipulati tra Regione Toscana e R.F.I., sono stati portati a completamento numerosi interventi che hanno migliorato il livello qualitativo del servizio pubblico, con particolare riferimento all’accessibilità al servizio ferroviario. L’abbattimento di barriere architettoniche, l’innalzamento dei marciapiedi, il rinnovo del materiale rotabile, l’ampliamento del circuito di assistenza per le persone a mobilità ridotta sono interventi irrinunciabili che dobbiamo diffondere nel numero più ampio numero possibile di scali, specie in quelli collocati in luoghi strategici per la mobilità del territorio, come nei casi delle stazioni di Aulla e Pontremoli».