Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Congresso Pd, le donne dem: «Guardare al passato con autocritica per migliorare il futuro»

MASSA – «Il congresso del Partito Democratico è un momento fondamentale di discussione e condivisione. Come Conferenza delle Donne Democratiche di Massa e Carrara abbiamo ritenuto fondamentale contribuire al dibattito politico inserendovi i temi che in questi ultimi mesi sono stati già portati all’attenzione e inseriti nell’ordine del giorno del partito a livello nazionale e a cascata sui territori, ma che purtroppo trovano ancora troppe resistenze: dalla difesa delle 194, ai diritti civili, al referendum per l’eutanasia legale, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla costruzione di un partito plurale e femminista. Perché solo il femminismo garantisce l’uguaglianza nel rispetto delle differenze». Anche la conferenza delle donne democratiche di Massa-Carrara esprime la propria visione in vista del sempre più vicino congresso del Pd di Massa, quando verrà deciso il prossimo segretario cittadino.

«Pensiamo che una forza di sinistra, progressista e democratica debba sposare, sostenere e promuovere tutte le battaglie sui diritti civili e diritti delle donne: se i diritti non sono di tutti rimangono dei privilegi. È evidente che le donne riescono a partecipare meno alla vita politica rispetto agli uomini, e che sia più difficile per noi ricoprire ruoli apicali: ripensare ai tempi di vita e di lavoro e come conciliarli facendo gravare sempre meno le attività di cura e accudimento di anziani e figli sulle spalle delle donne potrebbe incentivare la partecipazione femminile all’attività politica. Come conferenza ci impegneremo affinché questo congresso colga l’occasione per formare una classe dirigente che non solo sia paritaria nei numeri e nelle quote all’interno dei propri organismi, ma tenga in considerazione il genere per le competenze. La linea di demarcazione rispetto al passato sta nello smettere di riempirsi la bocca con i giovani e le donne se poi non c’è reale intenzione di ascoltare e contaminare il partito con le loro proposte e se nelle fasi decisionali poi le donne e i giovani magicamente sono assenti. – scrivono dalla conferenza delle donne democratiche – I percorsi vanno costruiti altrimenti qualsiasi scelta rimane solo un palliativo alla quale noi come Conferenza risponderemo negativamente. I tempi della politica troppo spesso non rispecchiano quello della società per questo siamo convinte che la parola chiave sia ascolto».

«Il nostro territorio ha problemi urgenti da risolvere : dal mondo del lavoro, all’ambiente, alle infrastrutture, a come ripensare le nostre città e renderle vivibili e accessibili a tutti. La sfida sta tutta dentro a questi temi e alle risorse che grazie al Pnrr potrebbero davvero cambiare la nostra provincia, per questo invitiamo tutti i candidati a guardare al passato con un sano spirito di autocritica per migliorare il futuro».