Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«La stagione teatrale al Garibaldi invece che agli Animosi è una vergogna pubblica»

CARRARA – «Udite, udite: al via dal 24 novembre la stagione teatrale  2021/22 nella Sala Garibaldi, grandi interpreti per un programma di qualità che nasce dalla collaborazione fra l’amministrazione Comunale e la Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Detto ciò, l’esperienza amministrativa dell’assessore Andrea Raggi  si commenta da sola:  è una delle più squallide della performance dei grillini alla guida di Carrara». A parlare e ad attaccare l’assessore Raggi è Massimiliano Bernardi di Alternativa per Carrara.

«Dal momento che il Teatro Animosi rimane chiuso e la stagione teatrale verrà fatta al Garibaldi ci piacerebbe leggere, per questa nuova disdicevole chiusura,  le motivazioni da parte dell’amministrazione grillina. Con l’accelerata arrivata da Roma che finalmente dava  il via libera al ritorno alla capienza completa di teatri, cinema e musei, anche il prezioso teatro degli Animosi sarebbe dovuto tornare ad avere la propria stagione teatrale, ma invece no. A questo proposito vorremmo rinfrescare la memoria agli elettori in quanto che, ascrivendosi platealmente a sé l’intero merito della riapertura del Teatro con l’adeguamento ai moderni parametri di sicurezza, l’assessore Andrea Raggi, che aveva postato la famosa “musarola” sul suo profilo Facebook offendendo e infangando altri, si era vantato di meriti non suoi. – continua Bernardi – Quello che sappiamo degli Animosi oggi è che da mesi i fenomeni a 5 Stelle hanno iniziato i lavori di manutenzione straordinaria del Ridotto del Teatro per restituire a questo spazio il giusto decoro, ma da lì a prevedere la stagione teatrale al Garibaldi ce ne corre».

«Era il 21 novembre del 2019 quando il primo cittadino grillino dichiarava “Sono felice di poter dare a tutti i cittadini una bellissima notizia: il Teatro degli Animosi è di nuovo agibile e le porte potranno tornare a spalancarsi al pubblico. Tra le tante eredità scomode che ci siamo ritrovati al momento del nostro insediamento, questa è stata una delle più pesanti. In due anni abbiamo fatto quello che i nostri predecessori non sono riusciti a fare in due mandati: adeguare il nostro teatro alle norme vigenti”. Dopo gli autoincensamenti, i lustrini, le pajette e l’abito scuro con farfallino dell’inaugurazione, poi era arrivata la pandemia e il lockdown e il teatro era rimasto di nuovo chiuso per mesi.  A mio avviso,  decidere in questo momento delle riaperture e delle capienze massime, di realizzare la stagione teatrale al Garibaldi, dopo tutto quello che avevano detto, rappresenta una vergogna pubblica dell’amministrazione 5 Stelle. – conclude Bernardi – Ma se a ciò si aggiunge il tassello dello sfottò  del post con la scritta “musarola ” di Andrea Raggi, la follia amministrativa dei 5 Stelle è servita».