Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Il Consiglio comunale torna in presenza dopo 563 giorni. Persiani: «La democrazia non si è mai fermata»

L'intervento del sindaco 563 giorni dopo la prima seduta in modalità telematica: «Abbiamo atteso che la situazione si stabilizzasse. Messaggio di ritorno alla normalità, con la prudenza e la consapevolezza che il covid non è ancora stato sconfitto del tutto e che forse nulla sarà come prima»

Più informazioni su

MASSA – Lunedì 25 ottobre 2021 sarà una data a suo modo storica per la vita politica della città di Massa. 563 giorni dopo, il Consiglio comunale massese torna a svolgere le sue funzioni in presenza, nella Sala X aprile del palazzo civico. Ed era proprio il 10 aprile del 2020, in pieno lockdown, quando per la prima volta nella storia il Consiglio comunale venne convocato in modalità a distanza. Una videoconferenza su Zoom per la celebrazione solenne del 75° anniversario della Liberazione della città. Da quel giorno, per un anno e mezzo, internet e le piattaforme virtuali sono state le uniche modalità con cui i politici locali hanno potuto discutere i regolamenti e i piani della città, tra poteste per chi desiderava tornare in aula e difficoltà tecniche per lo sviluppo di una piattaforma mai usata prima. Schermi neri e microfoni spenti erano l’unico modo di manifestare simbolicamente il proprio dissenso. Poi, data la situazione pandemica in miglioramento, la decisione di riaprire le porte del Comune non solo agli addetti ai lavori, ma anche al pubblico, seppur con la limitazione dei posti a sedere e solo previa manifestazione della certificazione verde.

«Sono felice ed emozionato di tornare a guardarci negli occhi. – ha commentato il sindaco Francesco Persiani durante le sue comunicazioni – Prima di convocare una seduta in presenza abbiamo voluto aspettare che la situazione si stabilizzasse. I vaccini e le altre misure intraprese dal Governo ci hanno permesso di tornare a lavorare in sicurezza. Nonostante la pandemia, però, il funzionamento del consiglio comunale non si è mai interrotto. Abbiamo votato documenti importanti come il regolamento degli agri marmiferi, il piano del commercio o la variante urbanistica, giusto per citarne alcuni. La democrazia non si può fermare e cosi è stato. La decisione di aprire la sala anche al pubblico è stata presa per dare un segnale di ripartenza. Emozionante anche perchè significa che la situazione pandemica è sotto controllo».

Dopo i ringraziamenti alla Polizia Municipale per il lavoro di controllo svolto all’accesso della Sala X Aprile, ripresi anche dal presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti, Persiani ha comunque voluto lanciare un messaggio di prudenza alla popolazione tutta: «Non abbassiamo la guardia. – ha ammonito il sindaco – Il covid-19 non è ancora stato sconfitto del tutto. Servono prudenza e cautela. Dobbiamo essere coscienti che e consapevoli che, forse, il post-covid non sarà mai come prima».

Più informazioni su