Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Esercito per le strade e controllo di vicinato per contrastare la criminalità»

Fratelli d'Italia Carrara ha iniziato ad illustrare il programma in vista delle amministrative 2022. Pieruccini (Lega): "Dalla nostra coalizione porte sempre aperte, ma chiediamo passi in avanti, non indietro"

CARRARA – Da lunedì scorso un nuovo volto ha fatto il suo ingresso in Fratelli d’Italia Carrara. Si tratta di Maurizio Lorenzoni, già candidato a sindaco alle ultime amministrative. “Un ritorno alla casa madre”, così lo ha definito lui stesso questa mattina, in una conferenza stampa convocata per iniziare ad illustrare il programma in vista delle prossime amministrative, affermando di riconoscersi a pieno nel progetto di Fratelli d’Italia: “un sempre stato partito coerente, da Roma a Carrara”.

“Un punto essenziale per noi è quello che riguarda la sicurezza – ha dichiarato Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia e responsabile regionale del Dipartimento sicurezza, legalità e immigrazione -, che è da sempre il nostro cavallo di battaglia. Entrando nel dettaglio, il programma prevede un approccio multidisciplinare alle problematiche della città al fine di limitare la commissione di crimini e sentimenti di insicurezza avvertiti dai cittadini. “Lo spazio urbano – si legge nel documento del partito – rappresenta uno fra gli scenari principali della cosiddetta “deriva securitaria”, dettata non solo dalla criminalità, ma anche dal sempre più evidente degrado urbano. All’interno della relazione esistente tra criminalità, ambiente fisico e percezione di sicurezza, una rilevante importanza è data alla progettazione degli spazi urbani, all’organizzazione dal punto di vista architettonico e urbanistico che incide positivamente sulla riduzione del sentimento di vulnerabilità e, in alcuni casi, contribuisce alla riduzione degli episodi di criminalità”.

Il programma di governo della città sulla sicurezza urbana di Fratelli d’Italia prevede che la politica incentivi la riqualificazione urbanistica della città, attraverso sgravi fiscali (eliminazione degli oneri di urbanizzazione e dei costi di costruzione ed altre iniziative) per quanto riguarda i privati e con un imponente piano di opere pubbliche atte a consentire l’abbellimento ed il popolamento di certe zone della città, “rendendole vivibili per le famiglie e per la parte “sana” dei cittadini (maggioranza) che potranno cosi riappropriarsi di certi quartieri ora frequentati da balordi che vivono al limite e talvolta oltre la legalità”.

Altro punto del programma per la sicurezza urbana riguarda la costituzione delle zone di “Controllo di vicinato”, strumento che presuppone la partecipazione attiva dei cittadini residenti in una determinata zona e la collaborazione di questi ultimi con le Forze dell’Ordine.

Per ogni zona sarà individuato un responsabile (cui faranno riferimento glia altri abitanti della zona) che avrà il compito di segnalare eventuali situazioni sospette alle Forze dell’Ordine.

“Importante per la prevenzione e la repressione di attività delittuose – sottolineano poi da Fratelli d’Italia – è la costituzione del “Nucleo di Sicurezza Urbana” della Polizia Municipale, costituito da personale appositamente addestrato (anche all’utilizzo di sfollagente, taser, e bodycam), che in autonomia e/o in supporto alle altre Forze dell’Ordine, presidierà il territorio 24 ore su 24 essendo un punto di riferimento per i cittadini che a qualsiasi ora del giorno e della notte abbiano necessità di sentirsi rassicurati (per la creazione di detto Nucleo e l’assunzione di nuovo personale si parteciperà a bandi di finanziamento statali e regionali)”.

Altro obiettivo sarà quello di dotare la città di un capillare e funzionale piano di videosorveglianza con telecamere collegate in diretta con le centrali operative delle Forze dell’Ordine (Polizia Municipale compresa). Detto piano di videosorveglianza – precisano dal partito – sarà finanziato anche con le risorse economiche statali e regionali messe a disposizioni delle città tramite appositi bandi.

Un altro punto riguarderà la predisposizione di un imponente e capillare piano di illuminazione della città attingendo anche alle risorse che o Stato e la Regione mettono a disposizione per tali tipi di interventi.

Infine, per contrastare particolari situazioni che mettono in pericolo la sicurezza dei cittadini, il sindaco che farà capo a Fratelli d’Italia dovrà richiedere al Prefetto l’utilizzo dell’Esercito a supporto delle Forze dell’Ordine, nelle cosiddette operazioni “strade sicure”. “La presenza degli uomini e delle donne dell’Esercito – chiudono da Fratelli d’Italia – non potranno che essere figure rassicuranti per le famiglie e le persone oneste che potranno cosi ricominciare a “vivere” la propria città”.

Fratelli d’Italia sembra dunque proseguire dritto per la sua strada, che al momento non si è ancora incrociata con quella intrapresa dalla “supercoalizione” di centrodestra guidata da Simone Caffaz. Coalizione di cui fa parte la Lega Salvini Premier, che continua a tenere le porte aperte alla squadra di Baruzzo. “Noi siamo per l’unità e per l’allargamento del centrodestra, nei mesi scorsi abbiamo cercato in ogni modo di coinvolgere Fratelli d’Italia e ancora oggi le porte sono aperte”. Questa l’estrema sintesi dell’intervento di Nicola Pieruccini, commissario della Lega per la provincia di Massa-Carrara in risposta a Lorenzoni. Accanto a questa apertura, il leader locale del Carroccio, ripercorre la storia degli ultimi cinque anni del centrodestra, proprio a partire dalla candidatura di Maurizio Lorenzoni: “Alle scorse amministrative  sostenemmo con lealtà Maurizio Lorenzoni, che è una persona per bene e che stimiamo, ma la cui candidatura è apparsa all’elettorato troppo orientata e radicata a destra e ciò ha provocato l’insuccesso e l’isolamento della coalizione, arrivata quarta dopo 5 stelle, centrosinistra e Vannucci e fuori dai giochi anche al ballottaggio, in cui non ha avuto alcun rilievo”.

Di qui il cambio di strategia dettato proprio da Pieruccini e dalla Lega: “Da quel momento – prosegue il commissario – abbiamo intrapreso un percorso volto a riportare il centrodestra ad essere al centro della scena e la più credibile alternativa di governo all’amministrazione cittadina. Abbiamo creato un’ampissima coalizione che ha tutte le carte in regola per vincere le prossime elezioni e che oggi comprende tre storici partiti del centrodestra (Lega, Forza Italia e Cambiamo con Toti), altre tre liste che rappresentano la parte migliore del civismo cittadino e ulteriori 3 movimenti (Verdi Italia per Carrara, Nuovo Psi e Partito Liberale) che ci hanno portato in dote valori e aree culturali molto sentite nel nostro territorio. Come candidato a sindaco abbiamo scelto Simone Caffaz, una persona che, prima di interrompere la sua attività politica, aveva fatto parte del centrodestra sin dalle sue origini dimostrando doti di ottimo amministratore pubblico oltre che aperto e attrattivo verso le forze moderate, riformiste e civiche”.

A questo punto Pieruccini rivendica di essere, assieme agli alleati, il vero rappresentante del centrodestra: “Abbiamo costruito in questi anni il centrodestra più ampio e competitivo di sempre e siamo certi di poter vincere le prossime elezioni. All’appello, nonostante tutti i nostri sforzi per coinvolgerli, manca solo Fratelli d’Italia: noi li aspettiamo a braccia aperte per quando vorranno venire, al primo o al secondo turno, consapevoli tuttavia della forza del nostro progetto, che non puo’ essere barattato né per un ritorno al centrodestra di cinque anni fa perdente e con l’asse spostato a destra, né concedendo, come qualcuno ha talvolta paventato, la guida della coalizione a supposte liste civiche che in realtà rappresentano la vecchia nomenclatura del Pd”.