Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Due nuovi assessori per Massa, Persiani: «Servizi migliori e più tempo per incontrare i cittadini» foto

Si tratta di Maura Ferrari, architetto, e del consigliere comunale uscente, Giovanbattista Ronchieri. Al suo posto nell'assemblea cittadina entrerà Giorgia Garau, ex delegata alla Montagna

MASSA – «In questo metà mandato abbiamo portato a termine molti degli obiettivi che ci eravamo posti e il nostro intento è perseguire al meglio ed affrontare tutti gli impegni che saranno sempre più numerosi. Per una più capillare realizzazione delle attività quindi ho ritenuto opportuno procedere ad una ridistribuzione delle deleghe e alla nomina di due assessori che saranno di maggiore supporto alle specifiche attività amministrative». Lo ha annunciato questa mattina, sabato, il sindaco di Massa Francesco Persiani nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare i due nuovi assessori della sua giunta: Maura Ferrari, architetto spezzino, e Giovanbattista Ronchieri, consigliere comunale uscente.

«Da considerare – ha affermato il primo cittadino, motivando la sua scelta di portare la giunta a otto membri – oltre alle già numerose competenze in capo alle amministrazioni locali, il sovraccarico che seguirà la programmazione e attuazione dei progetti del Pnrr (il Recovery Plan, ndr). Da tempo, stiamo anche riorganizzando i macro-settori dell’ente e l’integrazione della giunta vuole seguire proprio quella riorganizzazione cercando di lavorare specificamente sulle varie tematiche a noi care, tanto da averle indicate nelle condivise linee programmatiche».

«Questa mattina – ha poi evidenziato – ho firmato il decreto per la nomina di Maura Ferrari e Giovanbattista Ronchieri con deleghe, rispettivamente a “Pianificazione del territorio, Sviluppo urbano sostenibile integrato, Qualità della vita urbana” e “Edilizia privata, Politiche giovanili, Politiche Agricole, Tutela degli animali; Partecipazione e Trasparenza, Semplificazione amministrativa”. Manterrò io stesso l’esercizio delle funzioni in relazione alle seguenti materie: “Risorse umane e organizzazione, Cave e Attività estrattive, Sicurezza urbana”».

Una scelta, quella del sindaco, motivata anche in vista dell’ultimo anno e mezzo di amministrazione (a Massa si voterà nel 2023): «Dal 2022 – ha detto Persiani – vorrei avere un po’ più tempo per tornare a incontrare i nostri cittadini, capire le loro esigenze e cosa si aspettano dalla città. Con questi nuovi apporti sarà più agevole. Il 2023 sarà una fase importante, ma oggi pensiamo all’interesse di tutti i cittadini cercando di migliorare i servizi».

Chi sono i nuovi assessori
Il nuovo assessore all’Urbanistica, Maura Ferrari, svolge la professione di architetto alla Spezia, ed entra in giunta come assessore «tecnico-civico», non rappresentando alcuna forza politica. «Questo magnifico territorio – ha affermato Ferrari – ha risorse notevoli da sfruttare e problemi da valutare opportunamente. Ringrazio quindi il sindaco e metto a disposizione la mia esperienza per valutare le migliori soluzioni confrontandomi con categorie economiche, ordini professionali, associazioni ambientali e tutti gli altri settori». Nel suo nuovo percorso da amministratore di Massa sono vari i fronti aperti che la neo-assessora dovrà seguire. Tra questi: i Pabe (i piani attuativi dei bacini estrattivi, ndr), il piano attuativo dell’arenile, il nodo varianti, il piano strutturale e le conferenze paesaggistiche.

Giovanbattista Ronchieri, invece, arriva dal Consiglio comunale: eletto nelle liste di Forza Italia, è uscito dal partito azzurro quasi due mesi fa per formare un nuovo gruppo, Massa Civica, insieme ai consiglieri Sergio Menchini e Roberta Dei. «Accetto con umiltà e spirito di servizio» ha dichiarato Ronchieri, ringraziando «l’amministrazione e la mia famiglia». Con questa nomina Ronchieri ha dovuto presentare le dimissioni da consigliere, lasciando il posto a Giorgia Garau, anche lei presente durante la conferenza stampa.

La nuova consigliera
Garau era stata nominata da Persiani delegata alla Montagna e si era candidata nelle liste di Forza Italia non centrando l’obiettivo dell’elezione in Consiglio. Consiglio che raggiungerà dalla prossima seduta ma non come membro del partito berlusconiano bensì come componente del gruppo Massa Civica: «Civismo è la parola d’ordine – ha dichiarato Garau – e nonostante l’elezione con Forza Italia mi sono resa conto di rivestire meglio questo ruolo da “civica”. Voglio dire che i cittadini della montagna avranno sempre il mio appoggio e continuerò a rappresentare le loro istanze come consigliera comunale ed essere il loro punto di riferimento».

La redistribuzione delle deleghe
Il decreto di Persiani, oltre alla nomina dei nuovi assessori, contiene anche una redistribuzione delle deleghe: nello specifico la delega alla Montagna della Garau è passata al vicesindaco Andrea Cella, mentre quella ai Grandi eventi è passata all’assessore Nadia Marnica. Di seguito riportiamo la suddivisione delle deleghe dei sei assessori già presenti in giunta: Paolo Balloni (Politiche del lavoro, Attività Produttive, Ambiente, Innovazione Tecnologica, Sport;
– Pierlio Baratta: Bilancio, Finanze, Patrimonio e Partecipazioni); Andrea Cella,vicesindaco (Turismo, Politiche comunitarie, Politiche per la valorizzazione delle aree montane e delle periferie, Performance, Comunicazione); Marco Guidi (Lavori pubblici, Viabilità e Mobilità, Trasporto Pubblico locale, Politiche energetiche, Protezione Civile, Arredo e decoro urbano, Servizi demografici e cimiteriali); Nadia Marnica (Politiche educative e scolastiche, Farmacie comunali, Cultura e Gemellaggi, Grandi eventi); Amelia Zanti (Sanità, Politiche sociali, Disabilità, Politiche per la famiglia, Politiche abitative, Politiche di genere e pari opportunità, Volontariato).