Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Comunali Carrara, centrodestra contro Fratelli d’Italia: «Stanno giocando per il nemico»

La coalizione: «Ribadiamo per l'ennesima volta l'irrevocabilità della candidatura di Simone Caffaz, che sarà il sindaco dello storico cambiamento della città»

CARRARA – C’è tensione all’interno del centrodestra carrarese in vista delle prossime elezioni comunali che, ricordiamo, si terranno nel 2022. La coalizione formata da Cambiamo con Toti, Forza Italia e Lega ha scelto Simone Caffaz come candidato sindaco. Un candidato che, evidentemente, non piace alla sezione di Fratelli d’Italia. Per questo la coalizione ha emanato un comunicato per rispondere alle parole di Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fdi (qui l’articolo).

«Ci troviamo costretti per l’ennesima volta a replicare alle farneticanti dichiarazioni del coordinatore comunale di Fratelli d’Italia Lorenzo Baruzzi che, – si legge nel comunicato – con atteggiamento ostile e distruttivo, si diverte da mesi a danneggiare una coalizione che ha di fronte a sé una possibilità storica, quella di cambiare dopo 65 anni il governo della città e restituire a Carrara la speranza di un cambiamento».

«Sul “metodo” che ha portato alla scelta della candidatura di Simone Caffaz, a fronte delle parole vuote di Baruzzo, ribadiamo i fatti, comprovabili da almeno una decina di testimoni, cioè dalle delegazioni dei partiti e delle liste della coalizione che hanno partecipato alle riunioni. – continua il testo della coalizione – Da dicembre dello scorso anno, nonostante siano stati sempre invitati, Fratelli d’Italia hanno partecipato soltanto a due riunioni della coalizione su svariate decine, con un atteggiamento distruttivo, senza proporre nulla che non fosse il mero tentativo di annullare il lavoro precedente fatto dalle altre forze politiche. A pochi giorni dalla scelta del candidato a sindaco, mentre noi tutti stavamo cercando di convincere Simone Caffaz a sciogliere le riserve, i Fratelli d’Italia sono usciti con un articolo di stampa che poneva un inaccettabile e immotivato veto su di lui. Ne seguiva uno stillicidio irresponsabile di articoli, mai accompagnati da tentativi di chiarimento politico, volti a tentare di indebolire la nostra coalizione e il nostro candidato. Tentativi vani, visto che da quel momento la nostra coalizione andava incontro a un clamoroso allargamento e oggi arriva a comprendere 9 tra partiti, movimenti politici e liste civiche, ha già siglato l’accordo con la decima (che sarà presentata nei prossimi giorni) e tantissime personalità cittadine, molte delle quali di sinistra, hanno già dato la loro disponibilità a candidarsi nella lista civica di Simone Caffaz. A fronte di tutto questo, oggi i Fratelli d’Italia cosa fanno? Rilasciano le ennesime dichiarazioni irresponsabili nei confronti nostri e del nostro candidato. Più che Fratelli d’Italia sono quindi Amici del Giaguaro, nel senso che stanno giocando la partita per l’avversario».

«In considerazione di tutto ciò, l’unico aspetto positivo delle dichiarazioni di Lorenzo Baruzzo sono quelle relative all’autocandidatura di sé medesimo. Ben venga, dopodiché ci rivedremo a Filippi, pardon al ballottaggio: vedremo chi ci arriverà e con quali rapporti di forza. Ribadiamo per l’ennesima volta l’irrevocabilità della candidatura di Simone Caffaz, che sarà il sindaco dello storico cambiamento della città. Chi lo desidera, potrà sostenerla, chi non lo desidera è libero di fare altre scelte, tenendo ben presente tuttavia la nostra indisponibilità a fare un mercato delle vacche prima del ballottaggio: siamo infatti contrari a qualsiasi appartamento tra il primo e il secondo turno».