Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Colonnata è abbandonata all’incuria ma piena di turisti. Da vergogna»

A dichiararlo Musetti (FI): «Il sindaco e l'amministrazione accolgano la mia proposta di abbattere quell'edificio fatiscente e di ripristinare il decoro delle statue e delle strade.»

CARRARA – «Metti un giorno a colazione in quel di Colonnata, che ti senti dire da tutti i paesani che incontri: “dateci una mano, buttate giù quell’ obbrobrioso, crollante e inutile edificio scolastico che stona assai in Piazza Palestro. Minatelo! Poi fate predisporre un progetto serio e alternativo a questa bicocca, nel tempo divenuta topaia. Una scuola abbandonata, che non serve più a niente, tranne che per le elezioni politiche e/o amministrative. Donateci una bella veranda attrezzata a cielo aperto, che abbiamo bisogno di ammirare un po’ di cielo pulito, con tutti i problemi irrisolti che abbiamo!” Già, i problemi dei colonnatesi sono tanti e da sempre trascurati da chi di dovere e di potere. Se non avessero il lardo prelibato a consolare palati e portafogli, a loro non resterebbe nulla. O quasi. Da tempi remoti hanno avuto problemi di acqua potabile, di energia elettrica che va e viene, di gas e di telefonia che funziona ad intermittenza, o non funziona affatto. Paese tanto frequentato da turisti internazionali, ma che non ha più bagni e latrine pubbliche, coi forestieri che bussano alle porte pur di espletare un bisognino urgente. Che ha un prete ad intermittenza, non ha un tabacchino né un giornalaio. Ma Colonnata è borgo famoso nel mondo, per le sue montagne bianche e il suo lardo squisito. “Non potrebbero darci una mano i Padroni del Vapore?”. Si interrogano rammaricati i paesani. Il bello è che la scuola crollante, pare che quelli del Comune abbiano intenzione di tramutarla in museo, ma di quanti musei che non funzionano abbisognano Carrara e adiacenze? “Robe da chiodi, arrugginiti”.  Poi c’è la questione del monumento a Giuseppe Mazzini negroide, perché annerito dalle intemperie e dalla noncuranza. Colonnata era un feudo repubblicano, con tanto di sede storica in via della Fontana. Ma il Mazzini dalle braccia conserte di piazza Palestro non interessa agli amici degli amici, malgrado le nostre richieste di intervento di ristrutturazione – si lamentano a Colonnata. Il sindaco e l’amministrazione si sveglino e accolgano la mia proposta di abbattere quell’edificio fatiscente e di ripristinare il decoro delle statue e delle strade.»