Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Montignoso, il candidato a sindaco Matteucci si presenta: «Il Comune diventi capofila per la chiusura di Cava Fornace»

Guiderà la coalizione formata da M5s, Montignoso Democratica e Verdi: «Priorità all'ambiente, lotta contro l'abbandono dei quartieri e una vera biblioteca civica»

MONTIGNOSO – Priorità all’ambiente e riflettori puntati sulla questione cava Fornace. Questi i principali elementi su cui intende focalizzarsi la coalizione formata da Montignoso democratica, Movimento 5 Stelle e Verdi in vista delle amministrative, che ha trovato nell’avvocato Francesco Matteucci il proprio candidato a sindaco. La lista civica “Con te per Montignoso” sarà caratterizzata da un’ottica green. Lo hanno sottolineato a più riprese ieri, durante la presentazione della lista, le forze politiche della coalizione, con il consigliere del M5s Paolo Lenzetti, il capogruppo di Montignoso Democratica Settimo del Freo e il responsabile provinciale dei Verdi Roberto Nicoli. Insieme a loro, anche l’assessore all’ambiente di Forte dei Marmi Enrico Ghiselli.

L’attenzione, al momento, si concentra sulle vicende di Cava Fornace. A questo proposito, Matteucci ha promesso che si impegnerà a rendere il Comune di Montignoso capofila per la sua chiusura. Poi ci sono i problemi delle zone montane, Cerreto, Corsanico, Sant’Eustacchio e Pasquilio, dove urgono soluzioni contro l’abbandono e il dissesto idrogeologico. E l’attenzione all’ambiente, file rouge del programma della coalizione, riguarderà anche i possibili interventi per eliminare i miasmi nei quartieri, che mettono a rischio la salute dei cittadini e riducono il valore economico di case e attività. Alcuni quartieri, come Prato e Capanne, si trovano in quella che il candidato a sindaco ha definito una “situazione di preoccupante declino”.

Ci sono poi strade non percorribili, come quella che porta da Castello Aghinolfi alla Piazza, e zone, come la piazza stessa, in cui mancano parcheggi. Altro obiettivo da centrare, per Matteucci, è quello di una vera biblioteca civica con sale studio e sale prestito adeguate.