Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Alberti (Pd): “Una ringhiera nei pressi del cimitero di Forno e manutenzione del verde pubblico in via Dorsale”

MASSA – Il consigliere comunale del Partito Democratico a Massa, Stefano Alberti, ha presentato due interpellanze dirette all’amministrazione. Una riguardante la richiesta di installare una ringhiera nei pressi del cimitero di Forno, in via Dei Campi; una con la richiesta di manutenzione all’area verde pubblica di via Dorsale.

«Dopo un sopralluogo effettuato dalla Commissione Urbanistica comunale inerente la variante (PCC N.95 del 13-05-2021) e contestuale approvazione dello schema di convenzione relativo al lotto 35/b della scheda normativa ACO.201; abbiamo potuto constatare le pessime condizioni dell’area a verde pubblico attrezzato, adiacente il lotto in questione, attrezzata e ceduta al Comune dalla società SOFIN srl quale parte degli oneri perequativi in applicazione del Regolamento Urbanistico e della specifica scheda normativa; – spiega Alberti nella seconda interpellanza – l’area attrezzata pubblica è dotata di panchine e di tavoli in marmo, camminamenti con ghiaino ed è stata alberata con piantumazione di diverse essenze locali; insomma veramente un piccolo presidio di verde e di incontro secondo il progetto di valorizzazione di via Dorsale (ai sensi dell’art.49 comma 3 delle norme tecniche di attuazione del RU). Purtroppo però l’area, attualmente ricoperta da vegetazione infestante e praticamente  inaccessibile, denota la mancanza di qualsiasi tipo di intervento di manutenzione ordinaria del verde».

Per quanto riguarda Forno, invece, Alberti scrive: «Sollecitato da molti abitanti del paese faccio presente la necessità di installare una ringhiera in via Dei Campi a Forno nell’area antistante l’ingresso del cimitero. Rilevato che sul lato fiume dell’area della piazzola d’ingresso del cimitero di Forno scende una strada sterrata, vecchio tracciato e primo lotto di una variante per l’attraversamento alternativo al Paese la cui realizzazione fu poi abbandonato per questioni di instabilità del versante montano; considerato che a delimitare l’area della piazzola d’ingresso nel lato fiume, dove scende la strada sterrata, è presente solo un basso cordolo di cemento del tutto  inadatto a garantire la necessaria sicurezza a pedoni e veicoli in manovra: si interpella la giunta comunale per chiedere se e quando l’amministrazione comunale intende intervenire con una ringhiera di protezione o altro intervento volto a mettere in sicurezza tale area».