Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Cari signori di sinistra, l’attacco alla destra è la dimostrazione della vostra disonestà politica»

Più informazioni su

MASSA – Nell’ultimo consiglio comunale di Massa è stato votato e approvato il regolamento sui Pabe, che disciplina l’escavazione del marmo sul  nostro territorio. Sul punto sono intervenuti la consigliera di Forza Italia Roberta Dei, da Mauro Rivieri (Fi) e Mario Cipollini (responsabile provinciale Associazione “Libertà e Diritti”), con un attacco ai consiglieri Stefano Alberti (Pd) e Luca Guadagnucci (Fi). “Durante l’ultimo Consiglio Comunale – esordiscono – il fatto che ci ha stupito e lasciato senza parole è stato l’intervento del Consigliere Stefano Alberti del Pd che, con una buona faccia tosta, ha accusato il centrodestra di favorire con questo regolamento sempre le solite 4 famiglie di imprenditori del marmo. Ad Alberti rispondiamo che gli saremmo molto grati se vorrà condividere con noi i nomi di queste “4 famiglie”, che lui sembra conoscere molto bene; ed inoltre gli ricordiamo, visto che sembra avere la memoria corta, che Massa per decenni è stata governata dalla sinistra, sinistra che non  si è mai preoccupata di regolamentare l’escavazione; quindi se esiste il monopolio di queste 4 famiglie i massesi, devono ringraziare solamente Alberti e le sinistre che hanno governato con lui fino a l’altro giorno”.

“Cari signori di sinistra – continuano – l’attacco mosso contro il centrodestra non è altro che la dimostrazione della vostra disonestà politica, della vostra incapacità, della vostra poca trasparenza e chiarezza e della facilità con la quale cercate di scaricare  le vostre  responsabilità su altri. Caro Alberti, se vuoi avere delle risposte, chiedi al sindaco Volpi ed alla sua giunta, sul perché non sia stata affrontata e risolta la questione del regolamento dell’escavazione durante il loro governo e soprattutto perché sia stato permesso, in questi anni, il presunto monopolio di alcuni  imprenditori del marmo da te denunciato”.

“Concludiamo – chiudono i tre – chiedendo a Guadagnucci dove è stato fino ad oggi, o dobbiamo  ricordare anche a lui che il centrodestra si è dovuto far carico di una situazione  disastrosa lasciata dalle amministrazioni di sinistra anche nel settore marmo? Caro Guadagnucci, se pensi che spostandoti con le sinistre, come minacci di fare,  troverai programmi e soluzioni  migliori a risolvere i problemi del nostro territorio, della nostra gente, sei libero di farlo, nessuno ti trattiene anche perché la tua rilevanza politica dimostrata fino ad oggi  è stata inconsistente , irrilevante e a volte anche  puerile come quando con aria soddisfatta  offendi i consiglieri di maggioranza accusandoli di essere inesperti, quando poi il pasticcione inesperto sei invece tu che ancora non hai trovato una tua collocazione politica, non sai ancora se andare a destra o a sinistra. L’importante che prima o poi ti decida. Comunque, tranquillo, nessuno ti fa fretta”.

Più informazioni su