Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Legge case popolari, FdI lancia una mobilitazione regionale: «Necessario un criterio premiale»

MASSA – Sul paventato cambiamento della Legge regionale sulle case popolari Fratelli d’Italia lancia una mobilitazione regionale a partire dal Consiglio regionale e dai capoluoghi di provincia.
«È una follia sganciare l’assegnazione degli alloggi popolari dalla residenza. Ci opporremo con ogni mezzo affinché la modifica della legge regionale sulle case popolari non sarà approvata. Per questo abbiamo messo a punto una mozione che sarà presentata in Consiglio regionale e in tutti i Consigli comunali in cui sono presenti esponenti di Fratelli d’Italia a partire dal primo luglio». E’ la dichiarazione di Francesco Torselli, capogruppo del partito di Giorgia Meloni nel Consiglio regionale toscano, e di Diego Petrucci, consigliere regionale FdI, dopo l’incontro con i capigruppo FdI dei Comuni toscani.

«E’ inaccettabile che anche chi arriva in Italia da un giorno abbia le stesse possibilità di un cittadino la cui famiglia ha versato per anni le tasse. Non dimentichiamoci che questi immobili sono stati costruiti col sudore e la fatica dei nostri genitori e dei nostri nonni! La mozione di Fratelli d’Italia propone di verificare quante famiglie avrebbero davvero necessità di una casa popolare nella nostra Regione, di intervenire presso il Governo invitandolo ad investire parte delle risorse del Recovery Plan null’edilizia sociale ed infine di mantenere il criterio temporale della residenza ed il rapporto attivo con il territorio (sia in termini di impegno lavorativo che di cittadinanza attiva) come criterio premiale nell’accesso agli alloggi popolari. Basta con le politiche immigrazioniste», concludono Torselli, Petrucci ed il capogruppo al Consiglio comunale di Massa, Alessandro Amorese.