Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Serinper, Mallegni avrebbe dovuto chiedere a Benedetti di autosospendersi»

MASSA – “Non ci aspettavamo nuovamente un irragionevole e irresponsabile intervento da parte di Mallegni contro  l’amministrazione Persiani, in merito alla vicenda Benedetti, ma francamente speravamo, da parte del coordinatore regionale di Fi, in una presa di posizione dignitosa e responsabile”.  Anche la consigliera del gruppo misto di maggioranza Roberta Dei, Mauro Rivieri (Coraggio Forza Italia) e Mario Cipollini (Fi, presidente associazione Libertà e Diritti per Montignoso), tornano sulla vicenda Serinper dopo che il Comune di Massa ha deciso di costituirsi parte civile contro il presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti.

“Mallegni – sostengono i tre – avrebbe dovuto chiedere a Benedetti di autosospendersi da Presidente del Consiglio Comunale, continuando a fare il consigliere, questo per salvaguardare sia il partito di FI, in rispetto sia dell’amministrazione di centrodestra, sia dell’intero Consiglio Comunale, e di riguardo nei confronti di tutti i cittadini. Come sappiamo Benedetti è stato indagato da parte della Procura Della Repubblica di Massa per il grave reato di ” traffico di influenze illecite”. Ci auguriamo che Benedetti sia nelle condizioni di dimostrare la sua innocenza, siamo garantisti ma allo stesso tempo riteniamo che la Magistratura debba essere messa nelle condizioni di lavorare liberamente e poter  fare chiarezza. Il garantismo deve esserci anche per le vittime. La vicenda Serinper ha visto coinvolte le categorie più fragili, bambini donne bisognose ragazze madri extracomunitari che hanno subito ogni sorta di maltrattamento. E questo non lo dobbiamo mai dimenticare”..

“Inoltre – aggiungono – riteniamo che il progetto Mallegni sia fortemente irresponsabile ed allarmante; ha messo in atto in Toscana una guerra contro la Lega e FdI ,solamente per sue  personali mire politiche. Gli ricordiamo gli ultimi gravi avvenimenti che sono accaduti a Pietrasanta e in particolare a Massarosa dove l’amministrazione di Centrodestra è stata costretta a dare le dimissioni. Queste sue posizioni di spaccatura e di divisioni non  creeranno solamente   problemi all’interno di  Fi, ma  sarà sicuramente anche di intralcio e di ostacolo, per la coalizione di Centrodestra nazionale, impegnata a trovare un’ intesa sui candidati a sindaco per Roma e Milano. Noi siamo decisamente convinti che il centrodestra, FI-Lega- FdI-Coraggio Italia, sarà vincente solamente se si presenterà unito con programmi e progetti mirati a risolvere i problemi della gente. Le famiglie, i commercianti, gli artigiani, le partite Iva sono stanchi di sentir parlare di strategie elettorali, di politici che  rivendicano  poltrone e privilegi”.

“Concludiamo – chiudono Dei, Rivieri e Cipollini -, con un plauso a Persiani per la nomina di Luigi Della Pina come  nuovo assessore: Della Pina è persona con notevole esperienza politica, cosa di cui questa amministrazione ha necessità. Luigi, a cui auguriamo buon lavoro, sicuramente saprà dare nuovi stimoli  per realizzare quel progetto del cambiamento che Massa ha la necessità di concretizzare”.