Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Guerra Israele-Palestina, Forza Italia Massa chiede alla giunta di intervenire presso il governo

MASSA – Guerra Israele-Palestina: i consiglieri di Forza Italia Massa chiedono al sindaco Francesco Persiani e alla giunta di intervenire presso il governo.

“Considerato che – si legge nella mozione firmata da Giovanbattista Ronchieri, Antonio Cofrancesco, Piergiuseppe Cagetti e Stefano Benedetti – è interesse strategico dell’Italia e dell’Unione europea che il conflitto israelo-palestinese sia disinnescato una volta per tutte, come passo fondamentale per la pacificazione e la stabilizzazione dell’intero Medio Oriente e dell’area del Mediterraneo e che l’eventuale riconoscimento di uno Stato palestinese al di fuori di un accordo di pace complessivo tra le parti non favorirebbe la ripresa dei negoziati diretti, ma, al contrario, rappresenterebbe un ulteriore ostacolo sulla via della pace, perché avrebbe l’effetto di aumentare il livello di diffidenza tra le parti e, soprattutto, di Israele nei confronti della comunità internazionale, compromettendo e vanificando l’importante ruolo di mediazione imparziale che l’Unione europea e, in particolare, l’Italia stanno da decenni svolgendo e devono continuare a svolgere sia nei confronti degli israeliani che dei palestinesi , si invita il sindaco di Massa e la Giunta  a intervenire presso il governo Italiano per impegnarlo ad evitare di compiere atti e gesti simbolici che possano rappresentare forme di riconoscimento, o portare ad un’accelerazione di qualsiasi processo di riconoscimento, di uno Stato palestinese al di fuori del negoziato diretto e di un accordo di pace complessivo tra le parti; -a sostenere, in sede sia bilaterale che multilaterale, e di concerto con gli altri Stati membri dell’Unione europea e con gli Stati Uniti d’America, la cessazione del conflitto attualmente in corso e il rilancio del processo di pace tra israeliani e palestinesi re – conclude-ad evitare di compiere qualsiasi atto e gesto simbolico di legittimazione di organizzazioni terroristiche islamiche, Hamas compresa, e a promuovere nei loro confronti, di concerto con gli altri Stati membri dell’Unione europea e con gli Stati Uniti d’America, un’azione di intransigente contrasto ad ogni livello”.