Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Dimissioni Macchiarini, De Pasquale: «I motivi? Vanno chiesti a lui. L’intenzione è quella di sostituirlo»

Il primo cittadino prosegue sulla linea del "no comment". Crudeli (Pd): «Non sapere le ragioni del gesto mi lascia perplessa»

CARRARA – Prosegue sulla linea del “no comment” l’amministrazione comunale di Carrara rispetto alle dimissioni dell’ormai ex assessore al commercio Giovanni Macchiarini. In apertura del consiglio comunale di questa sera, il sindaco Francesco De Pasquale è tornato sull’argomento per comunicare la notizia ai presenti: “La collaborazione dell’assessore purtroppo viene a mancare – ha detto il primo cittadino – in una fase in cui il settore del commercio sta faticosamente cercando di ripartire e di conseguenza c’è molto da fare. Questo ci vedrà impegnati, in attesa di un sostituto, per affrontare le tante criticità legate a questo momento”.

Non è soddisfatta la consigliera del Pd Roberta Crudeli, che ha chiesto di saperne di più: “Abbiamo saputo delle dimissioni tramite la stampa, ma non abbiamo capito le motivazioni. Chi assumerà le deleghe in un momento così complicato e quali sono le intenzioni dell’amministrazione? Ci sarà un rimpasto di giunta o arriverà un nuovo assessore?”

Rispetto alla prima domanda, De Pasquale ha preferito non rispondere. “Le motivazioni – ha detto – è più opportuno chiederle all’ex assessore. Rispetto alle deleghe, adesso sono in carico al sottoscritto, come del resto prevede la normativa. L’intenzione è quella di sostituire l’assessore uscente con un’altra figura che possa portare avanti una serie importante di deleghe. Non necessariamente quelle ricoperte da Macchiarini, ma in modo tale da alleggerire il carico agli attuali componenti della giunta, visto che c’è molto lavoro da fare”. Risposta che lascia perplessa la consigliera del Pd, che ha confermato la propria insoddisfazione di fronte alla mancata spiegazione delle motivazioni che hanno portato al gesto.

Sulla ridistribuzione delle deleghe, infine, il sindaco ha chiarito: “Tutto verrà stabilito in funzione della figura che accetterà di ricoprire il ruolo di assessore vacante. Potrebbe essere una sovrapposizione tout court come una parziale. Ad oggi è difficile dirlo, dato che questa figura non è stata ancora individuata”.