Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Via Genova, un cantiere aperto con lo scopo solo di sprecare denaro pubblico»

CARRARA – “Premesso che il consigliere di Forza Italia eletto con i voti del centrodestra, ormai lo diciamo, da troppo tempo scalda la poltrona ma non fa attività politica e non ci  rappresenta in consiglio comunale, la Lega Salvini premier interviene sulla situazione al limite dell’indecenza di via Genova a Marina di Carrara e stigmatizza anche il silenzio delle altre forze politiche di opposizione”. Inizia così la nota a firma del commissario provinciale del carroccio, Nicola Pieruccini. “Questa amministrazione – continua – per irresponsabilità ed incuria non si è mai curata della tutela della vita e della salute dei nostri concittadini ma nemmeno delle politiche a tutela dell’ambiente ed ha lasciato per quasi un anno via Genova in uno stato pietoso. La messa in sicurezza non è stata infatti una priorità per  l’amministrazione 5 Stelle che non ha focalizzato il tema nella programmazione degli interventi nemmeno dopo Il gravissimo incidente della ragazza in motorino del luglio scorso. L’incidente ha messo in luce infatti che una delle principali cause dei sinistri che accadono, sia dovuta alla omessa e cattiva manutenzione delle strade piene di buchi e  di avvallamenti dovuti  alle radici degli alberi che fanno aumentare i rischi”.

“La Lega – prosegue Pieruccini – sottolinea di nuovo che il  Codice della strada prevede che sia il Comune  proprietario delle strade che,  allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione, deve provvedere alla manutenzione, gestione e pulizia e arredo, nonché al controllo tecnico dell’efficienza delle strade ed alla segnaletica prescritta. A tutt’oggi questi obblighi non sono stati osservati dal nostro Comune che da mesi si è limitato a transennare le strade pericolose e lasciare irrisolto il problema. Detto ciò, la Lega ha l’obbligo di evidenziare che i  lavori in corso per il rifacimento del manto stradale di via Genova, come hanno segnalato molti cittadini, vengono eseguiti dalla ditta incaricata attraverso una gettata di asfalto che va a riempire un tracciato, senza prima essere intervenuti sulla presenza di numerose radici e la evidente deformazione del fondo stesso. Un cantiere aperto con lo scopo solo di sprecare denaro pubblico in quanto al termine dei lavori non solo non sarà  garantita né migliorata per  quanto più possibile la sicurezza, ma bisognerà intervenire di nuovo. Ricordando inoltre che, a seguito del taglio dei pini sono rimasti i mezzi busti sui quali verranno prodotte statue di legno che sono ancora ben saldi al terreni con le radici che avvallano il marciapiede. Va da sé che, come hanno evidenziato i residenti, l’assurda idea culturale di far scolpire i tronconi di pini rimasti che hanno già buttato piccoli rametti, nasce forse proprio dalla problematica di estirpare le radici e rifare oltre al manto stradale anche tutto il marciapiede, come evidenziato dalle foto”.

“La Lega quindi – conclude il commissario provinciale – vuol sapere oltre le tempistiche di inizio e fine lavori, considerati i disagi derivanti dalla presenza del cantiere, anche se l’amministrazione abbia approvato o meno un progetto di riqualificazione di Via Genova e delle strade limitrofe compreso il viale xx settembre e cosa sia previsto in questo progetto. La Lega Salvini Premier, ritenendo incomprensibile e inaccettabile una siffatta situazione, posto che si ritiene che sia fondamentale operare nell’interesse dei cittadini e di tutte quelle persone che rischiano ogni giorno un incidente proprio a causa dell’assenza di sicurezza nella strada in oggetto, chiede anche i costi  dell’intervento”.