Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Affermazioni di Mallegni offensive verso gli ex Alleanza Nazionale presenti in Forza Italia»

Più informazioni su

MASSA – “Siamo rimasti feriti nel leggere le dichiarazioni rilasciate da Mallegni, in occasione delle dimissioni dell’amico Jacopo Cellai, affermazioni che riteniamo oltremodo offensive e discriminatorie nei confronti della comunità di ex Alleanza Nazionale presente in Forza Italia, formata da dirigenti di partito, consiglieri comunali regionali, militanti, simpatizzanti e tesserati. Ci auguriamo che il Presidente Berlusconi e il vicepresidente Tajani non riconfermino Mallegni come Coordinatore della Toscana”. Lo affermano, da Forza Italia, Roberta Dei, consigliera comunale gruppo misto di maggioranza, Mauro Rivieri, e Mario Cipollini, responsabile provinciale dell’associazione Libertà e Diritti. “Le affermazioni di Mallegni – continuano – sono incomprensibili e particolarmente ingiuriose e irrispettose, parla addirittura di una egemonizzazione della leadership da parte di An in  Fi, a chi ti riferisci Massimo? Sarebbe carino che tu almeno una volta avessi il coraggio di uscire allo scoperto, facendo i nomi, e non tramassi nell’ombra. Ti ricordo che nel 1995 a Fiuggi, Domenico Fisichella insieme a Gianfranco Fini, Gasparri, Matteoli, La Russa, diedero inizio al processo di cambiamento e alla nascita di Alleanza Nazionale, che abbandonò i riferimenti ideologici del fascismo, portandoci  verso una destra moderata liberale democratica ed europeista. Alleanza Nazionale fu estranea alle indagini “Mani Pulite”, e questo è stato un elemento importante e determinante per creare e far vincere il centrodestra in Italia, considerando inoltre l’ampio bacino di voti ottenuti da An”.

“Il tuo modo di fare politica – proseguono Dei, Cipollini e Rivieri -, sta creando in Forza Italia della Toscana  divisioni, frammentazioni e fuoriuscite dal partito e pertanto un indebolimento di Forza Italia  in un momento nel quale avremmo bisogno di unione, di forza, e soprattutto  di qualcuno che attui ” la politica del fare” presentando progetti e programmi responsabili, realizzabili  per traghettare la toscana fuori da questo grave periodo di regressione. On Mallegni, sei troppo fazioso, stai creando confusione politica ai nostri simpatizzanti, ed inoltre  non ti  riconosciamo  le capacità per essere leader di tutti. Vogliamo ricordare e  ricordarti le fuoriuscite, dei consiglieri comunali di Viareggio, del caro Martinelli e della Testaferrata, del consigliere di Pietrasanta Giulio Battaglini, delle dimissioni della dirigenza di Firenze, fra cui quelle dell’amico consigliere comunale Jacopo Cellai, appartenente ad una famiglia che è stata protagonisti della nascita di Alleanza Nazionale in Toscana. Tutti attivisti che hanno portato consensi e voti a Forza Italia. Ma la cosa che ci preoccupa ancora di più nella tuo modo di fare politica sono i continui attacchi che fai contro la Lega, che stanno mettendo in crisi l’intera coalizione di Centrodestra. Secondo noi sei volutamente fautore di emarginare ed isolare Forza Italia   dalla coalizione, e questo si ripercuote negativamente, non solamente in Toscana, ma anche su chi  a livello nazionale sta lavorando per tenere unito il centrodestra  pur mantenendo le proprie identità. Hai forse intenzione di realizzare solamente con FI il” terzo polo” magari unendoti con partiti della sinistra a te più congeniali? Dichiaralo apertamente, affinché ognuno di noi possa scegliere e decidere in piena libertà chiarezza e trasparenza”.
I tre concludono con un invito, “agli amici ex Alleanza Nazionale presenti tuttora in Forza Italia”, a “tenere duro”. “Non abbandoniamo la barca di Forza Italia in questi momenti difficile, se ne vada chi invece ha progetti discutibili come Mallegni che cerca di allontanare da Fi gli ex An che sicuramente gli sarebbero di impedimento nel trovare accordi con le sinistre. A Mallegni diciamo di leggersi “la carta dei valori di Alleanza Nazionale” e la storia di An formata da nomi di politici che hanno segnato la nascita della Destra democratica liberale europeista in Italia. Queste posizioni e riflessioni di ex An verranno inviate anche alla dirigenza di FI ed in particolare al Presidente Berlusconi e Vicepresidente Tajani”.

Più informazioni su