Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Sculture di legno coi monconi dei pini di via Genova, bordate contro il Comune di Carrara

Palazzo civico ha pubblicato un avviso pubblico. All'attacco il professor Canesi e la Lega

CARRARA – Sta facendo discutere in città il bando pubblicato dal Comune di Carrara per realizzare sette sculture di legno con i monconi dei pini tagliati recentemente lungo via Genova a Marina. L’iniziativa metterà a disposizione per i vincitori del concorso 1.500 euro a scultura (per un totale di 10.500 euro) e avrà come oggetto «il tema degli animali del cielo della terra e del mare in chiave ludico didattica e rivolte al pubblico dei bambini anche con riferimento alle dimensioni». «L’avviso pubblico – è scritto sul documento di Palazzo civico – è relativo alla realizzazione di tali opere artistico creative che dovranno essere realizzate sui monconi delle alberature di pino marittimo presenti su via Genova. Le opere saranno successivamente rimosse da questa posizione e collocate nell’adiacente pineta Cap. F. Menconi su un base in calcestruzzo appositamente predisposta di forma quadrata».

Il primo a lanciare la bordata contro l’amministrazione è stato il professor Riccardo Canesi, ambientalista e da sempre contrario al taglio dei pini: «Molto educativo, infatti – ha scritto sui social – tagliare alberi vivi, lasciare i monconi e dedicarli agli animali del cielo e della terra. Naturalmente in “chiave ludico didattica” (?!?). Verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere. Questo tipo di scultura (lignea) non ha proprio senso nel nostro contesto. Mi sbaglio o i pini davano fastidio, oltre che alla circolazione, anche al parcheggio? Appello alla giunta: recuperate un minimo di buon senso. Abbattete quegli orridi monconi rimasti. Risparmiateci questa ulteriore beffa».

E alle critiche si aggiunge dalla Lega, il commissario provinciale di Massa-Carrara, Nicola Pieruccini: «Con la modica cifra di 10 mila 500 euro il Comune crede di risolvere la mala vicenda del taglio dei pini mediante un’azione di straordinaria follia. Davanti a questa pervicace incapacità cronica di risolvere una situazione che è già stata oltremodo oltraggiosa per i cittadini e per la città e che ora lo diventerà di più, l’amministrazione 5 Stelle andrebbe mandata a casa subito per manifesta e totale infiltrazione di personaggi inetti. La Lega Salvini premier – dice ancora Pieruccini – a seguito di ciò si è infornata sull’evento. Anche tu vorresti provare a scolpire il legno, ma non sai da dove partire? Innanzitutto ti consigliamo di dotarti di una piccola motosega, non sappiano ancorare se l’attrezzo lo dovrà comperare il Comune, il bando pubblico per ora non lo prevede, mentre le statue da realizzare sono state individuate da un tema specifico. Visto che i lavori di incisione possono protrarsi anche per diverse ore, sarebbe meglio mettere subito in sicurezza l’area e optare per modelli di sega che riducono le vibrazioni e obbligare ad indossare mascherina e guanti antitaglio per proteggersi da urti accidentali. La Lega auspica che questo eccezionale evento sia davvero l’occasione rivolta a grandi e piccini per vedere per la prima volta gli scultori esibirsi nella realizzazione di meravigliose sculture utilizzando tronchi di pino mozzati dall’assessore Andrea Raggi che pare abbia tanta fantasia e creatività ma non certamente buon senso e competenza. Evviva i Cinque Stelle che mentre la città collassa giorno dopo giorno e ricorda sempre più luoghi da terzo mondo, dopo aver rovinato Marina di Carrara ora la vogliono pure ridicolizzare».