Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Rilancio del territorio, si incontra il tavolo istituzionale voluto da Persiani. Assente la Regione

Nisini e Ceccardi: (Lega): «Si sta giocando la grande partita del recovery fund. Qui per iniziare un percorso di ascolto per trovare soluzioni». Capitolo Sanac: domani un incontro con il Mise

MASSA – Ascoltare e agire, con l’obiettivo di rilanciare il territorio di Massa-Carrara. Questo l’imperativo del tavolo istituzionale voluto dal sindaco di Massa Francesco Persiani e riunitosi questa mattina, 13 marzo, dopo il primo incontro del 22 febbraio scorso. Un tavolo che ha visto riunirsi, oltre a Persiani, anche il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale e il presidente della provincia Gianni Lorenzetti, insieme tutti i rappresentanti delle varie categorie della provincia e al Prefetto, per dialogare insieme alla sottosegretaria del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Tiziana Nisini, all’europarlamentare Susanna Ceccardi e Donatella Legnaioli, membro della commissione lavoro alla Camera. «La politica deve essere espressione. – ha commentato Francesco Persiani, al termine delle riunioni tenutesi all’interno del palazzo comunale massese – Le persone che hanno accettato la chiamata e il nostro richiamo d’attenzione sono persone che conoscono il territorio. Questo è un momento di ascolto importante per partire a costruire il futuro. Non vogliamo pensare solo ai problemi, ma anche alle soluzioni».

«Siamo qui per raccogliere le problematiche e iniziare un percorso d’ascolto finalizzato a trovare delle soluzioni. – ha dichiarato Tiziana Nisini – Insieme ai sindacati, abbiamo parlato anche della Sanac per cui domani alle 17 è fissato un incontro con il Mise. Vogliamo essere operativi per portare dei risultati su un territorio con tante problematiche, ma altrettante potenzialità. La politica deve capire e agire, coinvolgere e riguardare tutti. Questo nuovo governo allargato ci da la possibilità di metterci tutti insieme per far ripartire Massa-Carrara e il Paese intero. Il percorso iniziato qui oggi, coinvolgerà tutti i ministeri».

Al centro del nuovo progetto istituzionale anche le importanti risorse che arriveranno dall’Europa e dal recovery fund. Proprio di questo ha voluto parlare Susanna Ceccardi, europarlamentare leghista: «Massa-Carrara è la provincia con il più alto tasso di disoccupazione della Regione Toscana. Esiste quindi un problema reale, un problema di prospettive di sviluppi. Proprio per questo le istituzioni toscane, su tutti i livelli, devono porre maggiore attenzione a questo territorio. Si sta giocando la grande partita del recovery fund. La Lega vuole dimostrare un cambio di passo rispetto al precedente governo, proprio per questo ha accettato la chiamata di Draghi, che ci ha fornito le garanzie giuste affinché i territori vengano ascoltati. Buona parte del recovery fund sarà fatta di prestiti. Questi prestiti dovranno essere finalizzati a progetti che servano realmente ai territori, altrimenti ci ritroveremo di fronte ad altri sprechi di denaro pubblico che ripagheremo. Siamo qui per raccogliere le istanze di questi progetti».

Grande assente a questo nuovo tavolo la Regione, formalmente invitata già in occasione della prima riunione di febbraio. Non ha voluto fare polemica, sotto questo aspetto, il sindaco Persiani, che ha ribadito l’apertura a tutti i livelli del dialogo, per far ripartire la provincia. «La Regione viene sempre invitata. – ha ribadito Persiani – Dopo l’incontro del 22 febbraio è stata invitata una lettera unitaria a tutti i partecipanti e una, ovviamente, anche al presidente Giani, per invitarlo ad ascoltarci come sta facendo con altre province. Credo che questa sia un’ulteriore occasione mancata, speriamo che per il terzo incontro almeno un rappresentante della Regione possa partecipare. Sono solo sollecitazioni doverose. Tutti i protagonisti hanno esposto le tematiche più importanti, dalla Sanac al porto di Marina di Carrara, le bonifiche e la ripartenza dell’economia. Abbiamo più possibilità rispetto a prima, con tanti ministri e sottosegretari del centrodestra che prima non c’erano».

Al termine della giornata di incontri, Ceccardi, Nisini e Legnaioli sono poi intervenute attraverso una nota che riportiamo di seguito.
“Massa è una realtà importantissima per tutta la Toscana, un territorio meraviglioso che merita la giusta attenzione a tutti i livelli. Nella giornata di oggi, in una  serie di incontri importanti e proficui sul territorio, abbiamo dato e daremo ascolto alle problematiche locali per farne da cassa di risonanza a livello nazionale ed europeo. Non siamo venuti a fare passerelle, ma dall’esperienza di amministratori locali sappiamo invece quanto sia fondamentale il rapporto tra governo e comunità locali.
La vicinanza delle istituzioni a questo territorio è palpabile, in particolare dal prefetto Claudio Ventrice, da pochi mesi insediatosi a Palazzo Ducale, sono arrivate parole di elogio e di grande attenzione per Massa e per la sua comunità di cittadini.
Allo stesso modo abbiamo raccolto le istanze delle sigle sindacali, della camera di commercio e dei sindaci di Carrara e Montignoso durante il tavolo di confronto istituzionale organizzato in comune dal sindaco Francesco Persiani.
Al centro dell’agenda il lavoro, prima fra tutti la vicenda Sanac, su cui sarà nostra premura sollecitare il MISE e con cui abbiamo già fissato un incontro nei prossimi giorni; il nodo infrastrutturale, con il porto di Carrara ed il ponte di Albiano Magra che ancora resta un simbolo delle lungaggini burocratiche del nostro paese e sul quale siamo pronti a chiedere un intervento diretto del nostro sottosegretario alle infrastrutture Alessandro Morelli; la riqualificazione urbana il recupero delle aree industriali dismesse e l’attenzione per le problematiche ambientali e in ultimo ma non meno importante per un territorio che vive in gran parte anche di turismo, l’aiuto alle attività commerciali e turistiche con la questione ristori che ancora resta aperta sul tavolo del Governo e la salvaguardia della prossima stagione estiva di cui parleremo anche con il ministro Garavaglia.
In questa fase così difficile possiamo cogliere l’opportunità di far lavorare in sinergia le istituzioni nazionali ed europee con le rappresentanze locali per trovare le risorse necessarie a far ripartire un ciclo virtuoso e produttivo, in una provincia che ha il più alto tasso di disoccupazione in Toscana. I dossier che abbiamo affrontato sono molti ed importanti, la sfida è difficile ma il nostro obiettivo è ambizioso: nell’ottica di uno sviluppo integrato di tutta la regione, Massa deve tornare ad essere trainante per tutta la costa Toscana”.