Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Alberti (Pd): «A Casette e Fornello residenti prigionieri della cava. A repentaglio la sicurezza» foto

MASSA – Il consigliere del partito democratico a Massa Stefano Alberti continua a puntare la lente di ingrandimento sulla situazione dei paesi della montagna. Questa volta lo fa con un’interpellanza che richiede interventi per quanto riguardo i borghi di Fornello e Casette: «Se ce ne fosse ancora bisogno il nucleo abitato di Fornello in località Casette è la rappresentazione plastica di quanto sia indispensabile il ruolo di “governo” dell’amministrazione pubblica nei confronti del sistema estrattivo. – recita il testo dell’interpellanza – La comunità di questa località composta da una quindicina di famiglie e 50 residenti è “prigioniera” di una attività di cava poco sopra l’abitato che pregiudica e mette a repentaglio la sicurezza dei suoi abitanti».

«Quello che è successo una quindicina di giorni fa poteva tramutarsi in una tragedia, – continua Alberti – un camion carico di scaglie di marmo ha rischiato di abbattersi sulle case sottostanti la sede stradale, sfondando il guard-rail e fermandosi in bilico grazie ad un secondo ostacolo rappresentato da un muretto privato rinforzato da montanti in ferro. Questo grave incidente pone una seria riflessione sulla sicurezza, sulle attività di controllo dei carichi trasportati, sul numero dei passaggi e degli orari. Come ineludibile si pone il tema di un intervento strutturale per conciliare l’attività estrattiva della cava con la sicurezza della comunità di Fornello. La realizzazione del collegamento tra la cava della Rocchetta con il bacino di Piastrone-Gioia  eviterebbe il transito dei mezzi pesanti dall’abitato».

Alberti intepella l’amministrazione per chiedere: «quando sarà sostituita  la barriera abbattuta con un guard-rail ad elevato livello di contenimento; se nell’elenco annuale 2021 sono previsti interventi di asfaltatura delle strade del comprensorio di Casette visto il gravoso traffico dei mezzi pesanti sulle strutture viarie; quali azioni intende attivare l’amministrazione per l’applicazione dell’ accordo (protocollo) siglato nella precedente consiliatura riguardante il numero dei viaggi, gli orari e le portate del materiale trasportato; se l’amministrazione non ritenga opportuno programmare un intervento di ampliamento del parcheggio esistente per rispondere alle esigenze dei residenti; se in ragione di una maggiore sicurezza, di una sostenibilità ambientale e sociale diffusa, non si ritenga opportuno avviare una progettazione di fattibilità di un tracciato alternativo, quale il collegamento della cava Rocchetta con il bacino Piastrone-Gioia che eviterebbe il transito nell’abitato della località il Fornello».