Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Pieruccini (Lega): «Ha ragione Zingaretti: in Toscana e a Massa-Carrara il Pd parla solo di poltrone»

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – “Sembra quasi che si riferisse alla Toscana e a Massa-Carrara Nicola Zingaretti nello sfogo con cui ha annunciato le sue dimissioni da segretario del Partito Democratico”. Questo l’incipit dell’intervento di Nicola Pieruccini, commissario della “Lega-Salvini Premier” per la provincia di Massa-Carrara, che crea un parallelismo tra l’abbandono-choc di Zingaretti e la situazione politica della regione e della nostra provincia. “Zingaretti – attacca Pieruccini – afferma di vergognarsi del fatto che, mentre il paese è in ginocchio e nel pieno della terza ondata della pandemia, nel Partito Democratico si parli solo di poltrone. Le sue parole sembrano rivolte alla Regione e alla provincia di Massa-Carrara dove, mentre i contagi stanno andando incontro a una crescita preoccupante che ci
potrebbe proiettare in zona rossa sin dalla prossima settimana, nel dibattito interno al Partito Democratico si parla per l’appunto solo di poltrone. A cominciare da quella di Giacomo Bugliani, giovane rampante e arrivista, che ha trasformato la personale ambizione di diventare assessore regionale in una battaglia del territorio, come se i problemi della provincia apuana si potessero risolvere con la sua ascesa nella giunta di Giani. Una battaglia personale quella di Bugliani, che fa addirittura fibrillare il mondo politico regionale con il possibile ribaltone provocato dal no di Italia Viva e dal possibile ingresso in maggioranza del Movimento 5 Poltrone (pardon, Stelle) e che non ha nulla a che vedere con gli interessi della comunità toscana (che andrebbe incontro a un incremento delle spese della politica), né con quelli di Massa-Carrara, considerato lo scadente livello di rappresentanza del territorio a cui ci ha abituato Bugliani”.

La critica di Pieruccini non si ferma tuttavia al caso del consigliere regionale massese: “Il poltronificio “democratico” riguarda a cascata anche Roberta Crudeli che spera di ereditare la poltrona dallo stesso Bugliani e, in quel caso, rinuncerebbe a un’altra poltrona, quella di sindaco di Carrara, a cui oggi aspira. La stessa poltrona alla quale guarda nel Comune di Massa l’ineffabile Martina Nardi, che per questo è la principale promoter dell’alleanza locale con i 5 stelle che, non a caso, si è concretizzata nello scambio di poltrone alla fondazione della Cassa di Risparmio di Carrara”.

“Il Pd di Massa-Carrara – conclude Pieruccini – è oggi un indegno poltronificio gestito da persone che sanno solo scambiarsi il potere in modo autoreferenziale, completamente prive di qualsiasi contatto con la realtà e con i cittadini che in teoria dovrebbero rappresentare, come ha ben riassunto nel suo intervento l’ex segretario dem Nicola Zingaretti. L’ingresso di Matteo Salvini nella maggioranza a sostegno del governo Draghi ha quindi fatto cadere la maschera a Pd e 5 stelle, costringendo i secondi a un’implosione appena celata dall’incarico a Conte di guidare il Movimento e i secondi, ridotti dai sondaggi al minimo storico dei consensi, a rinnovare la classe dirigente dopo
le dimissioni di Nicola Zingaretti”.

Più informazioni su