Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Barotti contro Fratelli D’Italia: «Opposizione sterile, mancano le proposte»

MASSA – Tra le questioni più dibattute di queste ultime settimane c’è quella relativa al rilancio del territorio apuano, segnato da tempo da una profonda crisi aggravatasi con l’emergenza pandemica. Sul punto è intervenuto anche il consigliere di Arcipelago Massa Andrea Barotti che, replicando a Fratelli d’Italia, tratteggia un quadro politico difficile. “Gli articoli di questi ultimi giorni di alcune forze politiche di maggioranza certificano un evidente malessere dei partiti che reggono l’amministrazione Persiani. Il coordinatore Piedimonte di Forza Italia ha denunciato il degrado dovuto alla mancata rimozione di un cumulo di materiale spiaggiato vicino al Pontile, il consigliere Cofrancesco ha dato la sveglia al sindaco preoccupato per l’immobilismo del “governo del cambiamento” mentre Fratelli d’Italia sembra, dall’ultimo comunicato riguardante la crisi del nostro territorio, non avere responsabilità
sulle politiche, sempre che vi siano, di sviluppo della città. Ed ancora, il Sindaco che, non molto tempo fa, si mostrava vicinissimo alla Lega, improvvisamente, sembra averne preso le distanze sostenendo di essere un civico, liberale, cattolico, moderato e perfino non lontano dall’esperienza socialista”.

“Mi sembra di assistere ad un fuggi fuggi generale, una sorta di riassestamento politico che evidenzia un certo sfilacciamento destinato, probabilmente, ad aumentare all’avvicinarsi della fine di una esperienza amministrativa rivelatasi, fino ad ora, insoddisfacente – afferma Barotti -. Le promesse della campagna elettorale non mantenute, i passi falsi su temi molto importanti e delicati hanno acuito delle frizioni che erano sotto traccia. La situazione di Forza Italia non stupisce dato che la moderazione di una parte, tra l’altro esterna al gruppo consigliare, si scontra con una corrente più vicina al sovranismo, del pari non meravigliano le esternazioni del consigliere Cofrancesco che aveva già in passato espresso dure critiche al Sindaco poi rientrate; debbo dedurre che sia mancata quella discontinuità chiesta, a gran voce, dall’ex civico apuano mi domando se nuovi delegati risolveranno il problema.
Le critiche mosse dall’ex Assessore all’Ambiente, tralasciando le dichiarazioni post defenestrazione dell’ex Assessore Lama, rendono ancor più incandescente il clima politico e acuiscono lo scoramento, la disillusione degli elettori”.

Barotti attacca quindi il partito della Meloni: “Per quanto riguarda Fratelli d’Italia, l’assessore Guidi ed il vice capogruppo Fantozzi, ho la sensazione che cerchi, in questo non distinguendosi rispetto al sindaco ed a chi manca di proposte per la rinascita economica e culturale della città, di attribuire ad altri, specificatamente, alla regione, al governo nazionale lo stato in cui versa il territorio. Credo che questo atteggiamento, degno di una opposizione sterile, non sia apprezzabile specie se riferito ad un partito che ha un ruolo, non di poco conto, nell’amministrazione della città”. Il consigliere non vede risultati significativi. “Guidi e Fantozzi scrivono di sforzi del Comune di Massa ma fatico a capire a quali fatiche si riferiscano, forse al rifacimento di due piazze? Al progetto, contestato, per piazza Stazione? All’ipotetica rotonda davanti alle poste? Alla verniciatura del pontile? O forse al piano per il commercio così apprezzato da essere oggetto di una raccolta firme? Alla manutenzione, carente, delle strade?”

Per Barotti, mancano le proposte: “Fratelli d’Italia non lancia proposte e neppure raccoglie quelle, cito ad esempio “Gli Uffizi Diffusi”, messe sul tavolo dalla minoranza ma si limita alla polemica, a degli slogan, a delle parole vuote, generiche quando dovrebbe, dato il tempo trascorso dalla vittoria elettorale, elencare le promesse mantenute, i risultati di quella rigenerazione che la destra avrebbe dovuto, dopo l’asserito disastro arrecato dal vecchio centrosinistra, mettere in atto. Ed ancora, trovo veramente incredibile che un partito postosi all’opposizione di un Governo, sostenuto dal Presidente della Repubblica, chieda uno scatto di reni a livello nazionale! Una forza
responsabile avrebbe messo da parte, come altri hanno fatto, le differenze ideologiche per dare una mano al paese; è troppo facile domandare agli altri un maggior impegno senza indicare una rotta, senza dare un contributo costruttivo! Guidi e Fantozzi insistono sull’area di crisi complessa quando altri comuni stanno lavorando su iniziative o definendo progetti capaci di inserirsi nel piano di rinascita nazionale finanziato dalla solidarietà della tanto criticata Unione Europea; Fratelli d’Italia potrebbe impegnarsi di più ma preferisce limitarsi a lanciare un appello alla regione, magari ritenendo di aver assolto il proprio compito portando sul tavolo della commissione sviluppo economico i dati allarmanti sulla disoccupazione o sulle chiusure”.

“Debbo sottolineare – conclude il suo duro intervento il consigliere di Arcipelago Massa – come la predisposizione alla polemica di Fratelli d’Italia indebolisca anche iniziative degne di nota poiché trovo incomprensibile presentare una interrogazione sulla discarica di Montignoso e poi disinteressarsi della ex Discarica di Codupino non vorrei che la sensibilità ambientale di Fantozzi o Guidi dipendesse dal colore dell’Amministrazione di turno”. Infine un invito alla cooperazione: “In chiusura, sulla vertenza Sanac sarebbe opportuno che tutte le forze politiche, con rappresentanza a livello nazionale, si impegnassero senza distinzioni di sorta poiché porre una bandiera su un cumulo di macerie è privo di senso”.