LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Caso Lapucci, Palma: «Nessuno si permetta di fare pressioni illegittime sui consiglieri»

Più informazioni su

CARRARA – Il presidente del Consiglio comunale di Carrara, Michele Palma, interviene sulle richieste di dimissioni fatte al consigliere di minoranza Lorenzo Lapucci e apparse in questi giorni sui media: “Apprendo di pressioni su un consigliere di opposizione per indurlo a dimettersi dal Consiglio Comunale di Carrara. A chiedere le dimissioni sarebbero stati appartenenti allo stesso schieramento o coalizione politica di centrodestra con cui il consigliere è stato eletto.”

“Chiedere le dimissioni di un consigliere – premette il presidente Palma – fa parte della normale dialettica politica e fino a che questa rimane nei limiti del rispetto della persona e fino a quando non offende l’onorabilità delle istituzioni non deve interessare la presidenza del consiglio comunale, che deve mantenere un profilo neutrale e non prendere parte a discussioni interne alle forze politiche o tra consiglieri”

Secondo il presidente del consiglio comunale però “laddove vengano travalicati questi limiti e si scada in imputazioni di mala intenzione che coinvolgono istituzioni terze o addirittura – come potrebbe apparire leggendo i giornali – in pratiche al limite del legale, in questo caso ritengo che sia mio preciso dovere intervenire a difesa delle istituzioni e dei processi democratici”.

“Perciò” – ammonisce Palma – “nessuno si permetta di fare pressioni illegittime sui Consiglieri Comunali. Mi risulta che ci siano denunce in corso: qualora dovessero emergere comportamenti illeciti o ipotesi di reato che vadano a ledere l’autonomia di membri del consiglio, non esiterei a procedere io stesso per le vie legali a difesa dell’istituzione che ho l’onore di presiedere e più in generale a difesa della democrazia della città. A maggior ragione se queste pratiche dovessero veder coinvolti altri consiglieri, dai quali mi aspetto un profondo senso di rispetto dell’istituzione e dei cittadini che li hanno eletti”.

“Non inganni il fatto che il consigliere Lapucci appartiene alla forza politica più lontana dalla mia personale visione politica: il 12 luglio del 2017, quando sono stato eletto presidente, dissi che avrei agito nella difesa dei diritti di tutti i consiglieri con particolare riferimento a quelli di opposizione ed ho intenzione di mantenere fede a quanto allora promesso”.

Più informazioni su