LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Martisca (Fi) chiede le dimissioni dell’assessore Raggi: «Inadatto al suo ruolo»

Più informazioni su

AVENZA – «Raggi incompetente, si dimetta». Così Lucian Martisca, responsabile del movimento giovanile di Forza Italia, chiede le dimissioni dell’assessore Andrea Raggi di Carrara. «Il Comune di Carrara è ormai allo sbando, e gli assesori completamente inadatti ai loro ruoli – dice – lo dimostra Raggi con un post su facebook, dove chiede pubblicamente di trovare degli “sponsor” per portare avanti i lavori di rifaccimento del marciapiede davanti agli ambulatori Usl Toscana Nord Ovest, per un valore complessivo di 50 mila euro».

«Raggi – secondo Martisca – vuol far credere che siano stati i cittadini di Avenza a chiedere di costruire il marciapiede in marmo, ed è comprensibile, quello che non è comprensibile è come il comune di Carrara non sia disposto a spendere 50 mila euro  per una pavimentazione di 440 metri quadrati in marmo per riqualificare una zona disastrata da tempo. Carrara è la capitale mondiale per la lavorazione e il commercio del marmo, e non abbiamo ancora ben capito perchè l’assessore Raggi chieda materiali ai privati quando potrebbe benissimo usare i fondi comunali. L’assessore si conferma per l’ennesima volta inadatto al suo ruolo – tuona il responsabile dei giovani di Forza Italia – ruolo determinante in questa città che presenta diversi problemi dal punto di vista urbanistico, ma è inconcepibile che il comune debba elemosinare 50 mila euro di marmo quando solo dagli agri marmiferi provengono piu di 25 milioni di euro destinati alle casse comunali».

Forza Italia dice di comprendere i problemi dei cittadini e cerca soluzioni, «siamo d’accordo sul fatto che tutta la zona della “Centrale” e Via Giovan Pietro debba essere ripristinata, ma è una vergogna estrema la richiesta di Raggi, il quale dovrebbe dimettersi dal suo ruolo perche incompetente e poco concludente» spiega Martisca. Sempre sull’argomento interviene il commissario di Forza Italia Riccardo Bruschi: «dopo la politica dei falsi annunci di fine lavori sul ponte di Avenza è lecito adesso sorprendersi innanzi al fatto che l’amministrazione non siano in grado di reperire i fondi alla manutenzione di un marciapiede e debbano “elemosinarli” ai privati, palesando che il problema del degrado, da troppo tempo sotto gli occhi di tutti, non può essere risolto dal Comune. Sarebbe lodevole quel privato che se ne accollasse l’onere, quindi tanto di cappello al Mecenate di turno, sopratutto considerato che gli industriali gia pagano molti milioni di euro in tassa marmi, i quali – conclude Bruschi – spariscono misteriosamente nel palazzo comunale senza alcuna ricaduta sul decoro urbano cittadino. E’ una vergogna».

Più informazioni su