LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Test rapidi a scuola, la Lunigiana esclusa dal progetto dell’Asl. Ciri: «Deluso, scriverò alla direttrice»

LUNIGIANA – L’azienda sanitaria Toscana Nord Ovest nei giorni scorsi ha dato il video ad un’iniziativa chiamata #ScuoleSicure, che prevedrà dal 15gennaio 1.525 test rapidi a settimana agli studenti per il monitoraggio regionale anti-covid. «Un’iniziativa sicuramente lodevole e che merita un plauso, utile al fine di poter garantire un rientro più sicuro degli studenti a scuola e che permetta un corretto monitoraggio della situazione cercando di bloccare in maniera tempestiva eventuali focolai – ha commentato Marco Ciri, consigliere comunale delegato alle politiche giovanili di Mulazzo e fondatore movimento civico Mulazzo in Comune – Non nego però una certa delusione andando a verificare come in questo progetto delle 61 scuole coinvolte del territorio dell’Azienda non vi siano istituti scolastici presenti sul territorio lunigianese».

Nel comunicato scritto dall’azienda sanitaria si legge che «nell’ambito territoriale di Massa Carrara saranno coinvolti: il liceo linguistico “Montessori” Carrara; Istituto Tecnico “Zaccagna”  Carrara; Itis “Galilei” Carrara Avenza; liceo Scientifico “Marconi” Carrara; Ginnasio Liceo Classico “Rossi” Massa; liceo linguistico “Pascoli” Massa; Istituto Professionale “Salvetti” Massa; Liceo Artistico e Musicale “Palma” Massa; Istituto Tecnico “Toniolo” Massa; Istituto Tecnico e Liceo Scientifico “Meucci” Massa; Liceo Scientifico “Fermi” Massa; Ipsseoa “Minuto” Massa».«Visto il numero elevato di positività comunque riscontrate  in Lunigiana sia nella prima, sia nella seconda ondata pandemica ritengo sia assolutamente necessario che anche le nostre scuole vengono  coinvolte – afferma Ciri – Scriverò nelle prossime un ore una lettera alla direttrice dell’Usl Toscana nord ovest Maria Letizia Casani affinché possa attivarsi subito per rivedere questa scelta e coinvolgere le nostre scuole nel progetto, i nostri studenti non sono di serie b».