LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Aulla, l’assessore Mariotti rinuncia alle deleghe protezione civile e bilancio: «Voglio concentrarmi sul piano operativo per l’urbanistica»

Il sindaco Valettini: «Scelta di responsabilità presa in armonia e senza amari»

AULLA – Il comune di Aulla sta lavorando, dopo l’approvazione del piano di protezione civile, al nuovo piano operativo comunale per quanto riguarda l’urbanistica. E l’assessore con delega all’urbanistica, Marco Mariotti, proprio in merito alla concezione di questo piano e alla sua importanza, ha annunciato di volere rinunciare alle deleghe di protezione civile e bilancio da lui gestite, per concentrarsi sui lavori in corso. «In questi anni abbiamo raggiunto grandi obiettivi nei settori in cui avevo la delega: bilancio, protezione civile e urbanistica. – ha dichiarato Mariotti in una conferenza tenuta insieme al sindaco di Aulla, Roberto Valettini e al capogruppo consiliare di Aulla nel Cuore Achille Fiorentini – Ho ritenuto opportuno fare una riflessione su quelle sfide che possano essere importante per le deleghe che avevo come assessore e per la nostra comunità. La scelta è stata quella di concentrarmi sul piano operativo comunale per quanto riguarda l’urbanistica e quindi rimettere le deleghe della protezione civile e di bilancio. Ne ho discusso col sindaco, con il capogruppo. Questa è una sfida importante per il comune di Aulla che deve adeguare il piano urbanistico alle norme regionali e nazionali. L’impegno personale non cambierà, solo che non ritengo possibile la convivenza di queste 3 deleghe».

Una decisione discussa ampiamente con i vertici dell’amministrazione aullese, che condividono la scelta dell’assessore Mariotti: «Il piano operativo è gestito in house dal comune ed è quindi necessario uno sforzo maggiore. – ha dichiarato il sindaco Valettini – Anteporre il bene collettivo all’ambizione personale di avere più deleghe è stato un atto di responsabilità. Da sottolineare l’armonia con cui si affronta un passaggio fisiologico che però in altri contesti potrebbe lasciare qualche amaro. Siamo tutti qui per dimostrare che, invece, di amari e di sottointesi non ce ne sono. Le deleghe non le tratterrò, ma le consegnerò nei prossimi giorni. Ci siamo confrontati con Marco e con la giunta per dare una miglior razionalizzazione anche ad altre deleghe, affinché vi siano accorpamenti giusti. Cercheremo di rendere più efficienti le azioni degli assessori e dei consiglieri delegati, per dare più incisività all’azione amministrativa. Quindi alcune deleghe verranno accorpate».

«Sono stati anni pesanti per il tipo di deleghe che aveva, – ha concluso Achille Fiorentini – è giusto dopo il risultato ottenuto con la protezione civile anche ringraziarlo. Ha portato a compimento un percorso, senza lasciarlo a metà strada. Gesto inusuale, ma di responsabilità, in controtendenza con il periodo e da apprezzare».