LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Raccolta sfalci Asmiu interrotta, Mencarelli (M5S): «Il Comune doveva portare il decoro»

MASSA – Durante l’utlima seduta del consiglio comunale di Massa, tenutasi lo scorso 4 gennaio, la consigliera del Movimento 5 Stella ha portato all’attenzione dell’assise cittadino la raccolta degli sfalci che l’Asmiu ha interroto dopo i mesi estivi.

«Il servizio di raccolta minima degli sfalci di giardino è stato interrotto, malgrado “un discreto successo”, e verrà attivato nuovamente “appena il tempo permetterà la ricrescita della vegetazione”, con queste vaghe indicazioni l’amministrazione risponde all’interrogazione della Consigliera del M5S Luana Mencarelli, quesito posto sulla spinta di molte sollecitazioni avute da cittadini rimasti improvvisamente senza questa prestazione di Asmiu.». Si legge in un comunicato dei pentastellati.

«Nella risposta alla Mencarelli si evidenziano delle falle gestionali, – prosegue il comunicato – a partire dalla mancata comunicazione agli abitanti che il servizio veniva sospeso. Le motivazioni con cui si vuol giustificare tale interruzione di servizio lasciano sorpresi, infatti si legge che “con la conclusione della bella stagione le attività di pulizia e sfalcio tendono ad esaurirsi”, chi possiede aree verdi invece sa benissimo che senz’altro si riducono, ma l’attività di produzione di rifiuti derivanti dalla manutenzione dei giardini continua anche in inverno.»

«Logico quindi sarebbe stato rallentare la frequenza della raccolta, invece Asmiu ha scelto di interromperla, così i cittadini che ne hanno bisogno devono caricare gli sfalci e portarli personalmente al Cermec. Probabilmente il nuovo amministratore unico ha tagliato il servizio solo per eliminare dei costi. Non si è posto il dubbio però che quei rifiuti verdi sarebbero potuti finire nei cassonetti stradali di altre zone non servite dal porta a porta oppure abbandonati lungo qualche strada, costituendo ugualmente costi per il bilancio aziendale. A questa specifica domanda anzi ha risposto che “nella maniera più assoluta” l’azienda” non ha fatto comparazioni di costi”. Ancora una volta l’amministrazione che doveva riportare il decoro a Massa ottiene il risultato contrario.»