LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lega: «Attendiamo la “pioggia di milioni” per costruire il distretto sanitario»

MASSA – «Leggiamo sulla cronaca di Massa un’intervista al consigliere Giacomo Bugliani in cui annuncia una “pioggia di soldi sulla sanità locale” grazie a maggiori risorse impiegate sul fondo sanitario regionale. Ci fa piacere l’entusiasmo del consigliere, che ricordiamo essere anche delegato da Giani alla partecipazione delle giunte regionali, nell’annuncio di questa notizia che apparentemente sembrerebbe risolvere problematiche di cui il territorio ha bisogno; come sempre però, dietro la solita giornalata di proclami felici vi è la tristezza della realtà.». A parlare è la sezione di Massa-Carrara della Lega, che commenta l’annuncio di Giacomo Bugliani (Pd), dei giorni scorsi.

«”All’apparir del vero tu misera cadesti” direbbe un noto poeta e così cade l’illusione di tutti i massesi di aver confidato sulla promessa di veder impiegato giusto “qualche milione di euro” per costruire il nuovo distretto sanitario di cui il nostro comune ha improrogabile bisogno. – si legge nel comunicato della Lega – Ebbene, è facile notare che nelle parole di Bugliani, principale intermediario sul territorio fra amministrazione regionale e comunale, non vi sia traccia di questo intervento.»

«Il Consigliere annuncia i lavori di ampliamento dell’Opa, ossia un progetto di cui tutta la cittadinanza era già stata informata, già in cantiere da tempo, per il quale il consiglio comunale massese si è già espresso da mesi approvando anche la variante urbanistica per permettere l’inizio dei lavori. – conclude il comunicato – Questa pioggia allora cosa riguarda? Per la maggior parte interventi su altri comuni, compreso quello dello spostamento della scuola infermieri da Massa a Carrara, sul quale avevamo espresso contrarietà. Per il bene del territorio, dopo tante promesse, ci auguriamo di assistere un giorno ad una vera “pioggia di milioni” sul nostro comune per vedere finalmente costruito il distretto sanitario e non la solita nuvoletta passeggera per attrarre qualche consenso sui giornali.».