LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Benedetti attacca: «Roberta Dei in mano alla sinistra». La consigliera: «Imbarazzante prestarsi a tali bassezze»

E' scontro tra il presidente del consiglio comunale di Massa e la presidente del gruppo misto di maggioranza. Tutto parte da un video pubblicato su Facebook

Più informazioni su

MASSA – “La consigliera Roberta Dei, eletta con i voti di Forza Italia, è diventata uno strumento politico gestito dalla sinistra contro l’amministrazione di centro destra di Massa”. Sono parole forti quelle che si leggono in un post Facebook pubblicato dal presidente del consiglio comunale di Massa Stefano Benedetti. In allegato un video che ritrae la consigliera conversare con Luca Corsi di “Rifondazione comunista”, candidato alle amministrative del 2018 con la lista Potere al Popolo, prima di una riunione. “Dal sito “pubblico” del Comune di Massa – scrive Benedetti – si può vedere l’inizio della commissione Affari Istituzionali, con un fuori programma davvero originale: la consigliera Roberta Dei, eletta con i voti di Forza Italia, la quale si dichiara consigliera del Gruppo misto di maggioranza, che trama in modo palese, insieme a Luca Corsi di Rifondazione Comunista contro il sindaco Persiani e l’amministrazione comunale di centro destra. Pur rispettando le sue idee ed il suo pensiero, non dobbiamo dimenticare che la stessa ė stata eletta con i voti di Forza Italia, partito fedele al sindaco Persiani e alla amministrazione comunale di Massa. Per questo motivo, riteniamo che dovrebbe dimettersi da consigliera comunale, quanto meno per una questione di dignità personale”.

«BENEDETTI RIFLETTA: E’ LUI STESSO A DANNEGGIARE FORZA ITALIA E LA CITTA’ DI MASSA»

Dopo poche ore la risposta della Dei, attraverso un comunicato: “Ancora una volta – scrive – sono costretta a ricordare a Benedetti che sono una consigliera eletta nella lista di Forza Italia, una consigliera di maggioranza che ha sempre votato in consiglio comunale secondo coscienza e soprattutto rispettando l’impegno preso con i miei elettori. Gli ricordo, inoltre, che ho fatto attivamente campagna elettorale per l’attuale amministrazione Persiani mentre lui, che ricopre un ruolo importante e ben retribuito, per chi ha fatto campagna elettorale? Per non parlare di quanto accaduto in Lunigiana, Aulla in particolare, dove addirittura sono state create liste elettorali contro Forza Italia e non certo da me. In quella circostanza, tra l’altro, Benedetti si ricordi che ebbe l’appoggio della sinistra. Il presidente del consiglio comunale, anzi che violare i miei diritti, di cittadina e consigliera comunale, pubblicando sui social il mio scambio di opinioni con un cittadino mentre ero all’oscuro di essere registrata, dovrebbe riflettere su
quanto sia lui a danneggiare Forza Italia e ancor prima la città di Massa, con questi comportamenti”.

“Dovrebbe, infatti – aggiunge la consigliera – ricordarsi di essere coinvolto nella vicenda Serinper per un reato gravissimo, il traffico di influenze illecite, e di non aver avuto neppure l’onestà politica di dare le dimissioni da Presidente del consiglio comunale, fatto per cui i massesi dovranno pagare 10.000 euro di commissione di inchiesta, come ha deciso il Sindaco Persiani per tutelarlo. Questo la dice lunga, caro Benedetti, su quanto tu tenga più alla poltrona che alla città e al partito e su quanto stia diventando imbarazzante per la città di Massa l’avere un Presidente del Consiglio Comunale che si presta a tali bassezze”.

“Inoltre, caro Benedetti – conclude la Dei – credo sia un diritto e dovere di ogni consigliere comunale quello di dialogare ed ascoltare qualsiasi cittadino che abbia da esternare malcontento nei riguardi di questa amministrazione, indipendentemente da chi sia e cosa voti. Forse dovresti impararlo anche tu”.

Più informazioni su