LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Toscana arancione, Tonlazzerini (Fi): «ll PD gioca a ‘strega comanda colore’. Altro che modello toscano di sanità»

TOSCANA – Luca Tonlazzerini, di Forza Italia, attacca l’operato del Pd nella gestione delle regioni e dei rispettivi colori che vedono la Toscana ancora in zona arancione: «Italia 60 milioni di abitanti, deceduti per Covid 63 mila. Germania 84 milioni di abitanti, deceduti per Covid 21 mila. Russia 146 milioni di abitanti, deceduti per Covid 45 mila. Questi sono i dati di cui si può vantare una classe politica inefficiente che, come Ponzio Pilato, ha scaricato decisioni e responsabilità sulle Regioni tra cui la nostra Toscana che insieme ad altre sta pagando un prezzo altissimo per le incertezze, le distrazioni e le scelte che il Pd le ha riservato e che tutt’ora continua a riservarle».

«Forse gli esponenti del Pd sperano che i cittadini siano stati colpiti, – continua Tonalzzerini – come accadde nel film Men in Black, dal raggio neutralizzatore cancellando loro la memoria, ma in realtà la gestione poco attenta della sinistra segna, come una cicatrice, il passato ed il presente della Toscana ed in particolare della nostra Provincia. Gestione poco attenta che, lo ricordo, ha provocato una voragine di ben 420 milioni di euro nel bilancio dell’ASL di Massa, per poi essere affiancata e seguita da altre situazioni aziendali similmente deficitarie».

«Forse è a causa di questi buchi apparsi all’improvviso che, in tempi non lontani, esponenti targati PD annunciavano il loro disegno di legge dicendo testualmente: “Si dovrà ridurre il personale del comparto sanitario a favore di un’organizzazione più snella”. Adesso, in tempi di pandemia, quella drastica dieta imposta dalla sinistra al sistema sanitario sta facendo emergere tutte le lacune – rimarca Tonalzzerini – di un sistema che è tutt’altro che da prendere a esempio, incapace, nonostante si sia in emergenza ormai da quasi un anno, di riadattarsi e di fornire certezze a noi cittadini ma evidentemente anche al Ministero».

«Intanto il presidente Giani continua a fare previsioni che vengono continuamente disattese e mentre la Toscana resta tra le cinque Regioni peggiori d’Italia la nostra provincia conta, – conclude Tonlazzerini – dall’inizio della pandemia 340 morti, di cui solo 40 negli ultimi 11 giorni. Così, nonostante il Governatore affermi che la Toscana abbia numeri da zona gialla e un Rt minore a 1, la nostra regione resta in zona arancione: evidentemente, come gli esponenti del PD della nostra Provincia, anche il Presidente Giani, a Roma, lascia il tempo che trova»