Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Dipendenti Cup, i capigruppo di maggioranza al Pd: «Incoerenti, votarono contro la nostra risoluzione»

MASSA – I capigruppo di maggioranza Martinucci della Lega, Matteo Bertucci della Lista Persiani, Alessandro Amorese di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Ronchieri di Forza Italia e Antonio Cofrancesco del Gruppo Misto, intervengono in merito alla risoluzione che invitava il consiglio comunale a sollecitare la conferenza zonale e la Regione Toscana a velocizzare il processo di internalizzazione dei dipendenti del Cup, votata nell’ultimo consiglio comunale del 23 novembre.

«Ancora una volta il Pd di Massa si dimostra incoerente – dicono – La risoluzione presentata è solamente una presa in giro non solo nei confronti dei lavoratori del Cup ma anche delle istituzioni visto che il medesimo impegno era stato già presentato nel consiglio comunale del 23 luglio scorso dal centrodestra massese: il Partito Democratico votò contro quell’atto accusandoci di strumentalizzare la situazione per mera campagna elettorale. Il caso volle che lo stesso documento venne presentato, sempre dal centrodestra, anche in consiglio regionale dove il Pd votò favorevole. Oltretutto a luglio intervenne anche il consigliere regionale Giacomo Bugliani affermando con grande enfasi che grazie all’approvazione di una sua mozione tutto era stato risolto. E perchéoggi si presentano di nuovo con lo stesso atto? Non hanno forse le idee un po’ confuse? – si chiedono i capigruppo di maggioranza – Fossimo nei panni dei lavoratori del Cup non saremmo solo arrabbiati ma anche delusi da questo comportamento che dimostra
soltanto che finora il Partito che attualmente, come da decenni a questa parte, governa la Regione si è totalmente disinteressato della loro situazione».

«Noi abbiamo votato a favore, come a luglio scorso, perché rimaniamo coerenti con la nostra battaglia di arrivare all’internalizzazione degli operatori Cup, il Pd locale si vuole unire a noi? Ben venga, ma sappia che è in notevole ritardo. O forse vuole solo delle coppe? – tuonano –  In tal caso che se le prenda pure, ma che tenga conto che sono coppe di cartone perché sull’argomento sono già stati votati numerosi atti, sia a livello comunale che regionale e il Pd, che sfortunatamente governa la nostra Regione, dovrebbe cominciare a mettere in pratica e a risolvere concretamente le situazioni. Basta parole, basta documenti su cui apporre una bandierina – concludono Martinucci, Bertucci, Amorese, Ronchieri e Cofrancesco -: la gente è stufa, è ora di passare ai fatti».