LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Vaccini antinfluenzali, la Toscana è davvero pronta?»

TOSCANA – “Campagna antinfluenzale, la Toscana è pronta?”. Se lo chiede Irene Galletti, capogruppo del Movimento 5 stelle in Consiglio Regionale, intervenendo sulle varie segnalazioni che denunciano una carenza di dosi di vaccino antinfluenzale a disposizione in Toscana e annunciando un’interrogazione urgente. “Dosi insufficienti a coprire la domanda e poca informazione sui vantaggi che la campagna di vaccinazione antinfluenzale porterebbe, anche nella lotta al Covid-19” – sottolinea Galletti in una nota. Si tratta soltanto di una parte delle considerazioni contenute in un’interrogazione urgente, presentata a chiarimento dell’attuale situazione e a cui Simone Bezzini, neo assessore alla Sanità della Giunta Giani, dovrà rispondere nella prossima seduta d’aula.

“Qualcosa non sta funzionando – precisa Galletti – la carenza di vaccini, fatto grave di per sé, è una notizia che sembra trovare conferma in alcuni articoli di stampa e da numerose segnalazioni che ci giungono dagli operatori sanitari – commenta la pentastellata – e considerate l’emergenza sanitaria e il fatto che la Regione sta facendo una campagna di raccomandazioni a vaccinarsi per tutti, la questione si fa ancora più preoccupante. Questo perché una campagna di vaccinazione antinfluenzale poteva alleggerire il carico di lavoro dei presidi sanitari toscani, lasciando più risorse a disposizione per la lotta al Coronavirus”.

“Se queste voci trovassero conferma – osserva la capogruppo – in qualche modo sarebbero state disattese anche le linee guida emanate dal Governo, che su indicazione del Comitato Tecnico Scientifico aveva raccomandato un’ampia campagna vaccinale, proprio per scongiurare i sovraffollamenti degli ospedali. E questo sarebbe grave.”

“Per queste ragioni – conclude Galletti – credo che sia giusto e doveroso che la Giunta Regionale ci dica se la Toscana è pronta ad affrontare la prossima ondata influenzale che andrà a sommarsi con gli effetti della pandemia in atto, se riuscirà a soddisfare la richiesta degli aventi diritto, e quali altri strumenti, indicati dal Governo e propri, saranno messi in campo per mettere in sicurezza i cittadini e gli ospedali toscani”.