Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Reparto Covid a Pontremoli, l’asl ha adottato la decisione più sbagliata»

FIRENZE – “Il reparto di Medicina e quello di terapia intensiva dell’ospedale di Pontremoli sono stati adibiti a pazienti affetti da coronavirus con ricadute negative per l’intera Lunigiana. Purtroppo, l’Asl, senza un confronto con il territorio, ha adottato la decisione più sbagliata. Pontremoli non ha la struttura e non è attrezzato per essere ospedale Covid”. Lo ha dichiarato il vice-capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, Vittorio Fantozzi, che ha raccolto la segnalazione di Umberto Zangani, vice-responsabile del coordinamento Fratelli d’Italia della Lunigiana. “Il blocco ascensori per le barelle è uno solo, per ogni passaggio di un paziente Covid si dovrà chiudere tutto e sanificare ogni volta. I reparti di medicina e di rianimazione sono obsoleti anche per malati no-Covid. I sistemi di ricircolo dell’aria non esistono, il reparto è stato dotato di un solo ventilatore per 21 pazienti! L’impianto con l’ossigeno non potrà funzionare a due vie, quindi se ci fosse necessità di aspirare una persona, non si potrà contemporaneamente ossigenare l’altra. Il personale della medicina è ridotto a 4 unità mediche che svolgeranno a quanto sembra, turni ordinari, di notte il medico non sarà presente ma solo reperibile. Da Pontremoli adesso i malati, che erano ricoverati in Medicina, sono stati trasferiti a Fivizzano che è stato declassato come presidio ed è diventato un polo riabilitativo”.

“La decisione più logica e migliore per il territorio – sostiene Fantozzi – sarebbe stata quella di aumentare i posti letto nel vecchio ospedale di Massa, dove gli spazi consentono di raddoppiare almeno i posti disponibili. Oppure il Monoblocco di Carrara. Strutture, queste, prese in considerazione, nella prima fase dell’emergenza, come possibili plessi sanitari dedicati ai contagiati.  Come sarà garantita un’adeguata assistenza sanitaria al territorio della Lunigiana in queste condizioni? La scelta di Pontremoli tutela effettivamente i malati Covid del territorio? Da marzo ad oggi verifichiamo l’assoluta assenza di programmazione da parte della Regione Toscana per far fronte all’emergenza sanitaria, l’impressione è che si navighi a vista”.