LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Massa, biglietteria della stazione chiusa. Bergamini (Fi): «Pronta l’interrogazione parlamentare»

MASSA – Questa mattina (30 ottobre 2020), dopo alcune segnalazioni dai cittadini la coordinatrice provinciale di Azzurro Donna, Sonia Castellini, si è recata alla stazione ferroviaria di Massa centro e ha appurato che al vetro della biglietteria chiusa è affisso un cartello in cui si comunica la chiusura della biglietteria fino a nuova comunicazione. «Oltre a tale disagio, abbiamo anche la sala d’attesa interdetta al pubblico – afferma Castellini – Se è vero che troviamo nell’atrio le biglietterie automatiche e la possibilità di acquistare titoli di viaggio presso gli attigui esercizi commerciali (edicola che chiude alle 19 e bar che chiude alle 18), è vero anche che le informazioni circa gli orari, gli eventuali cambi nelle stazioni ecc. sono peculiarità del personale di Trenitalia, i meno giovani non sono in grado di utilizzare le biglietterie automatiche e non sottovalutiamo l’aspetto sicurezza dato che la presenza del personale ferroviario è comunque un controllo. Ho potuto constatare che alle 10.30 del mattino mi trovavo davanti persone dall’aspetto poco raccomandabile ed io stessa avrei avuto un certo timore nel maneggiare soldi al fine di acquistare un biglietto alla biglietteria automatica».

L’onorevole Deborah Bergamini, Vicepresidente della IX commissione trasporti alla Camera dei Deputati, si è fatta carico di informarsi sulla situazione presso Trenitalia ed eventualmente valutare la possibilità di presentare un’interrogazione parlamentare. «Questo – spiega Castellini – per aiutarci a capire i motivi di tali disagi per la nostra comunità visto che la stazione vicina di Carrara è attiva con il personale. Il coordinamento Comunale eletto di Forza Italia Massa cercherà insieme all’Onorevole Deborah Bergamini di capire come poter contribuire risolvere questa problematica il prima possibile perché non è giusto che Massa ed i nostri concittadini debbano essere penalizzati» conclude la coordinatrice provinciale.