LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Baker Huges, Partito Comunista: «Pronti a sostenere e a unirci alla lotta dei lavoratori»

MASSA CARRARA- La situazione riguardante la Baker Huges è sempre più delicata. Dopo il lockdown e l’aumento dei contagi, sono stati tanti i lavoratori messi in cassa integrazione dalla multinazionale, alimentando le proteste.
A fianco delle proteste dei lavoratori si è messo il Partito Comunista, con un comunicato di sostegno e di attacco della gestione dell’azienda statunitense:

«Baker Hughes, dopo aver messo in cassa integrazione i propri dipendenti in seguito ad un annunciato calo d’ordini, ha richiesto alle ditte subappaltanti ore di straordinario, approfittando dunque di strumenti quali la cassa integrazione senza averne necessità, poiché l’effettivo numero di ordini non è mai calato.

«Oltretutto, veniamo a conoscenza che l’azienda aveva garantito la rotazione dei dipendenti, come anche nel periodo di Marzo e Aprile, ma che questa “garanzia” è stata fin da subito disattesa (esattamente come nel periodo di Marzo), imponendo di fatto uno stralavoro da parte di pochi.
Come Partito Comunista siamo pronti a sostenere ed unirci alla lotta dei lavoratori contro le azioni della multinazionale.»