LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lavoro, sanità, istruzione e casa: le priorità del Partito Comunista alle Regionali 2020

MASSA-CARRARA – Il Partito Comunista sarà presente in tutta la Toscana nelle prossime elezioni Regionali con una propria lista autonoma a sostegno di Salvatore Catello come presidente della Regione. «Questa nostra candidatura dimostra che in Toscana si sta facendo sempre più forte la necessità di una svolta drastica nella gestione dei problemi che avvolgono il territorio» scrivono in una nota dal Partito Comunista.

I temi fondamentali su cui si fonda il programma del Partito «sono legati agli elementi essenziali che ognuno deve poter accedere» spiegano. Primo di tutti la casa, ossia «il diritto ad abitare non deve essere sottomesso all’interesse economico dei grandi gruppi immobiliari che tengono libere centinaia di abitazioni sfitte in modo da poter innalzare i prezzi degli affitti, immobili sfitti delle amministrazioni devono essere censiti e adibiti, dove possibile, ad abitazione e devono essere sviluppati nuovi piani di costruzione di edilizia popolare per poter dare a tutti la possibilità di avere un tetto sopra la propria testa». Ma anche ambiente, territorio e trasporti: «tornare alla gestione pubblica dei servizi energetici (acqua, luce e gas), con relativo abbassamento dei costi sostenuti dalle famiglie per l’energia e come garanzia del controllo delle corrette protezioni ambientali nell’erogazione – aggiungono – Tornare al pubblico anche sulla gestione dei rifiuti: riduzione, riuso e riciclo con economia circolare, controllo, verifica ed imposizione di rigide norme di tutela ambientale alle imprese e di tutela della salute di vi lavora. Lancio di un grande piano di riassesto idrogeologico e di ristrutturazione viaria e potenziamento ferroviario, che coinvolga il territorio e la vita degli abitanti della nostra Toscana».

Altro punto fondamentale è la sanità: «ognuno deve avere il diritto di accedere a cure di cui necessita e in tempi più stretti e in modo gratuito, per questo sosteniamo che debba essere promossa una maggior capillarità del servizio sanitario pubblico, la stabilizzazione di tutto il personale e nuove assunzioni per poter così raggiungere l’obbiettivo – sottolineano dal Partito – L’istruzione, invece, pubblica deve essere gratuita dall’asilo nido fino al raggiungimento del diploma, il numero di studenti per classe deve essere ridotto per permettere una miglior fruizione del servizio da parte degli studenti, le strutture presenti devono essere messe in sicurezza ed è necessario che vengano assunto nuovo personale e stabilizzato quello già presente». Per quanto riguarda il lavoro, «deve essere garantita un’occupazione stabile in ambienti di lavoro sicuri, pertanto – spiegano – il nostro obbiettivo è quello di rendere la Regione protagonista di un “patto con i lavoratori” che impegni le imprese a interrompere tutte quelle pratiche che favoriscono la precarizzazione del mondo del lavoro che fino ad oggi ha favorito soltanto chi guadagna sul sudore e sulla fatica dei lavoratori.»

Anche nella Provincia di Massa-Carrara sarà possibile votare per il Partito Comunista. I candidati circoscrizionali, attualmente impegnati insieme a tutti i militanti e simpatizzanti nella divulgazione all’interno del territorio del programma elettorale sono Katiuscia Marchetti, Giulia Cei, Andrea Guadagnucci e Francesco Fenzi.