LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«La giunta Persiani non ridurrà le spiagge libere. Estate 2020 è situazione di emergenza»

Il gruppo di maggioranza "Amministrare Massa" interviene sul caso: «Accordi con gli stabilimenti confinanti per garantire sorveglianza, controllo e pulizia quotidiana»

MASSA – «Abbiamo assistito nei giorni scorsi a ripetuti attacchi nei confronti dell’amministrazione comunale in tema di spiagge libere, da parte di sparuti gruppi di cittadini, che sono apparse come proteste puramente sterili ed anche fuorvianti piuttosto che proposte costruttive o migliorative. Nelle intenzioni dell’amministrazione del sindaco Francesco Persiani e nostra non ci sono certo quelle di limitare né tantomeno ridurre le spiagge libere, che sono e devono continuare a essere un diritto per tutti ed avere, quindi, un libero accesso».  Sul caso spiagge libere intervengono i consiglieri comunali di “Amministrare Massa”, Matteo Bertucci, Roberto Acerbo, Lucia Bongiorni, Piergiuseppe Cagetti e Sara Tognini.

«D’altra parte – proseguono – in una situazione emergenziale come quella di questa estate 2020, la riapertura delle nostre spiagge imponeva una serie di restrizioni in funzione della sicurezza dei bagnanti e questo ha significato trovare un accordo con i gestori degli stabilimenti balneari confinanti, cosicché potessero essere garantiti la sorveglianza, il controllo e la pulizia quotidiana delle spiagge libere, oltre all’utilizzo gratuito di docce e servizi igienici. Difendiamo ogni scelta fatta, e ben ponderata, dal sindaco e da noi proprio in funzione della sicurezza della cittadinanza. Se le spiagge libere nel nostro comune sono accessibili è proprio grazie alla prudenza dell’amministrazione, che ha valutato tutte le possibili opzioni, procedendo solamente nel momento in cui fosse stata permessa una fruibilità in sicurezza per i bagnanti».

«Da ultimo, ma di altrettanta importanza – concludono i consiglieri di maggioranza – sottolineiamo come le spiagge siano state ripulite dal lavarone, attività di pulizia straordinaria che ha comportato un importante impegno in termini di personale e di economie. Cittadini e turisti possono tranquillamente usufruire delle spiagge libere massesi, ovviamente nel rispetto delle normative; niente è più lontano dalla realtà delle polemiche innescate solo per dare contro all’amministrazione».