LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«La guerriglia tra i leghisti si riversa nelle istituzioni». Il Pd va all’attacco

Norberto Riccardi, segretario dei dem di Massa, commenta la situazione politica locale

MASSA – “Quanto apparso sui giornali è la dimostrazione lampante del grado di utilità che ha questa Giunta, una giunta lottizzata, nominata dai capi regionali e nazionali della Lega, fortemente condizionata dai rapporti di parentela, il tutto gestito come si fosse in un club privato”. Così in una nota il segretario del Pd di Massa, Norberto Riccardi.
“Una maggioranza che ha al suo interno chi trasmette ai giornali le mail riservate del Sindaco e che dimostra quale spirito di squadra regni nel centrodestra della nostra città. La vicenda, tra il Sindaco Persiani e l’assessora Ravagli è la continuazione di quanto accaduto all’inizio della legislatura, tra il Sindaco Persiani e l’assessora Lama.
Ci sembra di poter dire che il Sindaco non va particolarmente d’accordo con la componente femminile della sua Giunta e che le iniziative culturali siano sempre motivo di dissidio tra sindaco e assessore di riferimento.
La continua guerriglia all’interno della Lega si riversa nelle istituzioni, ne svilisce il ruolo e allontana la soluzione dei problemi.
Quando un Sindaco richiama all’ordine un assessore è la dimostrazione che qualcosa non va che le frazioni e le divisioni rendono meno incisiva l’azione di governo. Tutto questo dimostra una inadeguatezza e incapacità del centro destra ad amministrare una città importante come la nostra.
Aspettiamo ormai da mesi la discussione sul Regolamento degli agri marmiferi che doveva essere discusso e approvato entro la fine del 2019 e che, ad oggi, è scomparso dai radar della giunta. Anche su questo probabilmente manca una sintesi, anche su questo non si riesce a trovare la quadra, tra le forze politiche di maggioranza e all’interno di ogni singola forza politica.
L’unità si è trovata tuttavia sul giro di valzer degli amministratori di Evam e Asmiu che agli occhi dei cittadini è parso per quello che effettivamente è: la spartizione tra due forze politiche di maggioranza, Lega e Fratelli d’Italia, nel nome probabilmente di un clientelismo che qualcuno vuole gestire.
Tutto questo mentre la città langue, sporca come non mai, con il più basso livello di manutenzione urbana mai visto in città. Di questo, non se ne accorgono solo i cittadini, con cassonetti dell’immondizia stracolmi e poco svuotati, ma persino i turisti che denunciano lo stato di abbandono di una città che dal turismo dovrebbe ricavare una parte importante del suo prodotto interno lordo.
Sono coloro che vorrebbero amministrare una Regione importante come la Toscana e che in questi oltre due anni di amministrazione hanno lavorato con i soldi lasciati in eredità o con quanto messo a disposizione dal Governo nazionale. I cittadini osservano e sapranno tirare le somme”.