LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Basta ai Consigli comunali in videoconferenza». Nardi presenta interrogazione al ministro Lamorgese

Intanto i consiglieri di opposizione ieri mattina, giovedì, sono stati ricevuti dal prefetto di Massa-Carrara, Paolo D'Attilio, per esprimergli il loro disappunto sulla questione

MASSA – «È impensabile che il Consiglio comunale di Massa si debba continuare a tenere in videoconferenza fino a metà ottobre. Sulla vicenda presenterò una interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno». È quanto dichiara la deputata del Pd Martina Nardi sulla decisione del presidente del Consiglio comunale di Massa, Stefano Benedetti.

«Come evidenziato da tempo dal gruppo consiliare cittadino del Partito Democratico – afferma Nardi – le attuali assise svolte a distanza presentano evidenti criticità tecniche e di connessione che impediscono agli eletti di esercitare pienamente le loro funzioni. Nelle prossime settimane il Consiglio comunale sarà chiamato a esprimersi su temi fondamentali per la comunità locale come l’assestamento di bilancio e l’utilizzo dei fondi statali per l’emergenza covid. È necessario che il ministro verifichi se la modalità tecniche di videoconferenza in cui vengono svolti i Consigli comunale di Massa assicurino la piena legalità nel dibattito, nelle votazioni e nel corretto adempimento degli atti» conclude la parlamentare.

Intanto i consiglieri di opposizione ieri mattina, giovedì, sono stati ricevuti dal prefetto di Massa-Carrara, Paolo D’Attilio, per esprimergli il loro disappunto sulla questione. Sull’argomento, oggi, nella giornata in cui è stato convocato il Consiglio, la minoranza terrà una conferenza stampa.