LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Basta con la monocultura del marmo, puntiamo sul turismo ambientale»

«Per lo sviluppo di Massa Carrara bisogna abbandonare la monocultura del marmo che oggi genera tra i 1650 e i 2.000 posti di lavoro. Un settore che provoca uno sfruttamento intensivo, genera enormi danni ambientali, il depauperamento di una risorsa esauribile e sta arricchendo pochi imprenditori, lasciando pochissimo al territorio in termini di ricchezza e lavoro». Lo sostiene Tommaso Fattori (nella foto), candidato alla presidenza della Regione Toscana per Toscana a Sinistra, a seguito della pubblicazione del report economia dell’Istituto studi e ricerche della Camera di Commercio.
Secondo il candidato alla provincia di Massa-Carrara serve un nuovo modello di sviluppo «che va dalla montagna alla costa e composto da tante proposte diverse. Una reindustrializzazìone ecologica, la ripopolazione delle aree montane, per esempio agevolando le giovani coppie che vogliono prendere casa in montagna».
Ciò che il candidato propone è: «un diverso tipo di turismo, ambientale, verde e lento, che permetta di conoscere anche queste aree. Un piano di sviluppo complesso, integrato che dia veri posti di lavoro e un futuro sostenibile sotto il profilo ambientale».
Un sistema diverso dall’attuale che ha portato Massa Carrara, conclude Fattori, non a essere un territorio marginale ma «marginalizzato da scelte politiche sbagliate come i tagli ai servizi, al trasporto, alla sanità, ai centri postali».