Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«La ricostruzione del ponte è collegata al futuro della Lunigiana»

“La ricostruzione del ponte di Albiano dovrebbe essere il punto da cui ripartire per delineare un nuovo modello di sviluppo nei rapporti fra territori, in realtà è diventato soltanto un misero scontro fra forze politiche prive di qualsiasi visione futura”. L’accusa è del collettivo Massa Città in Comune che in una nota chiede inoltre l’estensione del percorso ciclo-pedonale così da promuovere una sorta di “turismo lento” della Lunigiana.

“La nostra proposta di renderlo ciclo-pedonale è entrata all’interno dei progetti Anas – scrive il collettivo – ma non basta limitarsi alla connessione delle due sponde del Magra, la vecchia stazione di Caprigliola-Albiano deve diventare un snodo fondamentale per realizzare il percorso ciclo-pedonale del Magra utilizzando il vecchio tracciato ferroviario S. Stefano Magra-Villafranca abbandonato dal 2005 e lungo 18 chilometri. Attualmente solo il tratto Aulla-Terrarossa risulta essere stato riconvertito, dunque occorre uno sforzo più ampio per realizzare la connessione fra le aree interne e quelle di costa, in questo modo la Lunigiana può aprirsi alle dinamiche turistiche che non conoscono crisi come quelle del turismo lento.

Purtroppo il dibattito pubblico è tutto incentrato sugli interessi particolari e personalistici che ruotano intorno al giochino delle rampe, ma sono le popolazioni di quei territori che devono alzare la testa e chiedere un disegno diverso per il futuro delle loro comunità. Come forze politiche di sinistra antagoniste ai disegni di PD, Italia Viva e della destra leghista crediamo che un progetto di connessione infrastrutturale dei territori tosco-liguri attraverso un ponte moderno e un percorso ciclo-pedonale che connetta la Lunigiana alla ciclovia tirrenica sia un’opportunità da cogliere. Le regioni, le province e i comuni coinvolti in quella macroarea devono ragionare tutte insieme ed è per questo che nella mozione di Toscana a Sinistra, che verrà discussa in consiglio regionale, abbiamo chiesto che fosse inserita la necessità di avere un vice commissario che rappresentasse quei territori. Il ponte non riguarda solo Albiano, riguarda la visione futura dei rapporti fra le aree di margine della Lunigiana e quelle delle città sulla costa con i loro servizi e infrastrutture su questo noi garantiremo una stretta vigilanza sule scelte future”.