Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Lavello, Ferri: «Quando si passerà finalmente dalle parole ai fatti?»

Il deputato di Iv: «Ci sono seri problemi di ordine pubblico e sicurezza urbana, di igiene e sanità pubblica. Si faccia qualcosa»

Più informazioni su

Questione Lavello, interviene il deputato di Italia Viva, Cosimo Ferri. «Occorre fare passi in avanti con azioni concrete. I problemi sono sempre gli stessi e riguardano i depuratori, gli scarichi, le vasche, i fossi e il campo rom. Le parti in causa sono Regione Toscana, Gaia, Consorzio di Bonifica e Comuni di Massa e di Carrara. Il tavolo della Regione Toscana – sottolinea il parlamentare – sembra non essere mai partito o comunque non aver portato risultati. Perché? Qualcuno ce lo dica. Ed è un peccato perché la politica non si fa con gli annunci per questo mi preoccupa la proposta del sindaco De Pasquale di fare un altro tavolo. Cosa ha fatto da quando è diventato sindaco? Ha mantenuto le promesse? Qui bisogna agire perché la gente non ne può più».

«Scarichi – elenca Ferri – problemi seri d’inquinamento, discarica a cielo aperto, roghi, odori nocivi per la salute. Non è un problema solo di oggi ma che si trascina da anni, purtroppo ci sono stati tanti annunci ma pochi passi in avanti o che perlomeno non hanno portato risultati concreti. La società Gaia è in attesa delle necessarie autorizzazioni per procedere alle coperture che riguardano la costruzione delle strutture per il confinamento delle parti di impianto destinate allo stoccaggio dei fanghi, del vaglio e delle sabbie e dei relativi filtri per la purificazione dell’aria estratta. Per realizzare queste coperture occorre un titolo edilizio che deve essere rilasciato dalla Conferenza dei servizi. Opere fondamentali per contenere gli odori. Gaia ha in effetti finanziato alcune opere importanti, ma non sono bastate o non se ne vedono i risultati».

«Siamo una zona che vive sul turismo, che ha un’economia legata anche alla stagione balneare, che ha bisogno di mare pulito. Le ultime analisi purtroppo preoccupano. Si è detto che sono state effettuate con la pioggia, ma sole o pioggia, si tratta di dati allarmanti. Il fosso, non è alimentato, è stagnante e è una concausa di cattivi odori. Sono stati verificati sversamenti dal limitrofo depuratore. Per quanto riguarda il campo rom e roulotte sulla strada occorre portare avanti il protocollo del 2018 con la Regione Toscana tanto pubblicizzato dal sindaco De Pasquale ma rimasto lettera morta. Un altro annuncio caduto nel vuoto. Ci sono seri problemi di ordine pubblico e sicurezza urbana, di igiene e sanità pubblica. Si faccia qualcosa, ma questa volta davvero. Sono in gioco la credibilità delle istituzioni e la fiducia dei cittadini».

Più informazioni su