Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Noa, pronto soccorso con pochi medici. Il caso in Regione

Il consigliere Marcheschi (Fdi) ha presentato un'interrogazione alla giunta regionale: «All'inizio della stagione estiva aumentano le presenze sul nostro territorio e le preoccupazioni»

«Fratelli d’Italia è stata la prima forza politica in questi primi anni del Nuovo Ospedale delle Apuane a occuparsi di alcune problematiche che, purtroppo, avevamo previsto a ridosso della sua apertura». Si apre così la nota in cui il partito di Giorgia Meloni annuncia la presentazione di un’interrogazione alla giunta regionale della Toscana in relazione alla situazione critica del pronto soccorso del Noa, dove manca il personale in un periodo in cui gli afflussi aumenteranno inevitabilmente nel corso dell’estate per l’arrivo dei turisti.

«Dalle carenze di personale in alcuni reparti – sottolineano da Fdi – a problemi strutturali, a cambiamenti che avrebbero messo in difficoltà professionalità acquisite negli anni dal personale infermieristico. A fronte di una organizzazione sanitaria intermedia che non è stata pensata ed organizzata prima dell’apertura dell’ospedale unico, dobbiamo poi registrare situazioni che non sono in queste stagioni migliorate ma purtroppo si sono aggravate. Una su tutte quella del Pronto Soccorso. Intanto premettiamo subito come il personale in forza al Ps sia di ottimo livello ma, anche in questo caso, una professionalità indiscutibile è messa a repentaglio da una grave carenza di personale: il numero dei medici è decisamente sotto organico visto che stando ai modelli sanitari regionali il personale medico presente è quasi la metà del fabbisogno».

«Tutto questo – proseguono – all’inizio della stagione estiva che per ovvie ragioni di aumento esponenziale di presenze sul nostro territorio si presenta carica di preoccupazione e in un ospedale che, come accessi, è molto più grande di altri più ‘famosi’ nosocomi toscani. Come mai nel recente passato in altre strutture, anche in zone turistiche, è stato aumentato l’organico e non in un ospedale che ha già altri problemi ed è appunto studiato come ‘unico’ per un territorio così ampio? Abbiamo quindi presentato in Regione Toscana una Interrogazione a risposta scritta (grazie al nostro consigliere Paolo Marcheschi) in cui chiediamo conto di queste criticità, aggiungendo il dato strutturale: lo spazio del Pronto Soccorso di Massa è dignitoso? E’ funzionale? E’ quindi sufficiente? Noi crediamo proprio di no e chiediamo di rivedere gli spazi, di un Ps dove ci sono più ‘codici che stanze’, citando alcuni medici che abbiamo incontrato in questi mesi.
In attesa di risposte, che auspichiamo serie e magari con impegni di aumento del personale (urgentissimo), continueremo a monitorare la situazione del nostro ospedale e di tutta la Sanità apuana».