Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Nardi: «Giusto che la Pallavolo Massa giochi nel nuovo palasport»

La deputata del Pd interviene nel dibattito: «È il minimo per una squadra che compete in serie A2»

Più informazioni su

Pallavolo Massa: Nardi (Pd), “Giusto che la squadra della città giochi al palazzetto. Sullo sport amministrazione carente, cambi passo perché Massa merita di più .

La deputata del Pd Martina Nardi interviene nel dibattito sportivo sollevato dal presidente della squadra di pallavolo cittadina Italo Vullo (che chiedeva di potersi allenare nel nuovo palazzetto dello sport e di poterlo fare con una tempistica ed una frequenza congrua ad una squadra professionistica) e l’amministrazione comunale di Massa che gli aveva risposto “non sarà un pala-Vullo”.

“Abbiamo una squadra in serie A- dice Martina Nardi- ed è giusto che giochi a Massa, in un palazzetto idoneo, che si alleni spesso e che trovi nel palazzetto il suo punto di riferimento. Di strutture sportive la città di Massa è carente e c’è bisogno di più investimenti e progettazione perché tanti sono gli sport che necessitano di una casa. Il palazzetto non è e non può essere esaustivo, nonostante rimanga al momento l’unica struttura sportiva nuova, realizzata con i soldi del Governo Renzi- Gentiloni e con le energie delle forze di centro sinistra”. “Le richieste di Vullo mi sembrano più che legittime- continua la parlamentare- In altri territori le squadre cittadine sono appoggiate, facilitate e amate dalla popolazione”

Vullo aveva chiesto all’amministrazione di potersi allenare tre mattine la settimana per due ore, il pomeriggio per due ore dal martedì al venerdì e durante le gare casalinghe stagionali, la possibilità di montare il campo per la Serie A2 il sabato sera, con la disponibilità del palazzetto la domenica per allenamento di rifinitura della squadra avversaria.

“Insomma- commenta la Nardi-  il minimo per una squadra che gioca in A2”. La deputata del Pd invita quindi l’amministrazione comunale a cambiare passo: “L’amministrazione ha  partecipato al bando sport del Governo- ricorda- posizionandosi in fondo alla classifica, per il campo del Ricortola e del Romagnano, e tutto perché il cofinanziamento non era adeguato. Avevano annunciato , in modo roboante il finanziamento dei due campi (che da anni aspettano una riqualificazione) illudendo le società sportive e le tante famiglie che portano i loro figli a giocare . La verità è che non c’è bisogno di annunci ma di investimenti cospicui Bisogna investire per ottenere finanziamenti. Tante associazioni sportive aspettano risposte”.

Più informazioni su