LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Lo "Zaccagna" di Carrara si schiera con la prof palermitana sospesa

I docenti dell'istituto preoccupati: «Auspichiamo che venga ritirata l'inaccettabile sanzione». L'insegnante è stata accusata di non aver vigilato su una presentazione di suoi studenti in cui si accostavano le leggi razziali al decreto sicurezza

Più informazioni su

Professoressa palermitana sospesa, la scuola Zaccagna di Carrara dice la sua sul caso di cui si è parlato molto in questi giorni e si schiera a sostegno della docente e degli studenti. La decisione era stata presa dal provveditorato perché alcuni suoi alunni avevano accostato nel corso di una presentazione le leggi razziali di Benito Mussolini al decreto sicurezza del ministro dell’interno Matteo Salvini.

«L’Iis “D.Zaccagna” di Carrara – è scritto in una nota – informa che, in data odierna, il suo collegio dei docenti ha approvato una mozione di solidarietà nei confronti della collega palermitana, Rosa Maria Dell’Aria. Nel documento, che verrà inviato al ministro dell’istruzione, Marco Bussetti, al collegio dei docenti dell’Iis “Vittorio Emanuele II” di Palermo e alla suddetta, i docenti della scuola carrarese  esprimono profonda preoccupazione per i noti fatti che hanno visto la collega Rosa Maria Dell’Aria, docente in servizio presso l’Iis “Vittorio Emanuele II” di Palermo, sospesa dall’insegnamento per due settimane per non aver impedito agli studenti di rilevare analogie tra le leggi razziali del 1938 e il “decreto sicurezza” del ministro dell’interno, garantendo loro libertà di ricerca, informazione, espressione. L’intera vicenda mortifica la dignità umana e professionale della collega e di tutti i docenti impegnati nella formazione di cittadini consapevolmente partecipi della vita della comunità, in possesso degli strumenti culturali utili a comprendere e modificare la realtà. Il collegio ribadisce che la scuola della Repubblica ha il suo cardine nella libertà di insegnamento, inviolabile e costituzionalmente garantita, e nel diritto degli studenti di apprendere e di rielaborare criticamente e creativamente le conoscenze. Il collegio esprime pertanto la solidarietà alla collega Rosa Maria Dell’Aria, auspica l’annullamento dell’inaccettabile sanzione da lei subìta e chiede al ministro dell’istruzione Marco Bussetti di mettere in campo azioni concrete per tutelare le libertà democratiche dei docenti e degli studenti in tutte le scuole del Paese».

Più informazioni su