LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Capolinea bus alla stazione, tutto pronto per il trasferimento

Lunedì alle 11 l'inaugurazione col sindaco Persiani e i vertici di Ctt Nord. Intanto interviene il collettivo Massa Città in Comune: «Problema acustico-ambientale trasferito in periferia»

Capolinea bus alla stazione ferroviaria, domattina, lunedì, l’inaugurazione ufficiale: alle 11 il sindaco Francesco Persiani sarà lì insieme all’assessore ai lavori pubblici Marco Guidi, al presidente della Provincia di Massa-Carrara Gianni Lorenzetti e ai vertici di Ctt Nord. Il capolinea da domani si trasferirà dunque da via Europa: lì resterà solo la fermata di Massa centro e partiranno tre corse per Carrara.

Le linee 60-61-62-68-74 e 76 partiranno dalle fermate di fronte all’ingresso della stazione mentre le linee 65-66-67-78-79, quelle per i paesi a monte, partiranno dagli stalli di fronte alla nuova pensilina. I nuovi orari resteranno in vigore fino al 10 giugno prossimo quando poi sarà introdotto l’orario estivo.

Intanto sul trasferimento del capolinea interviene il collettivo “Massa Città in Comune”: «L’annuncio ufficiale del Comune è arrivato e lunedì il capolinea dei bus si sposterà da via Europa alla stazione con enorme sollievo di quei residenti che da anni lamentavano un peggioramento nelle condizioni di vita in quell’area. La scelta dell’amministrazione però non è stata quella di azzerare il problema, ma semplicemente di spostarlo in periferia. A noi sono giunte le prime preoccupazioni di natura acustico/ambientale dei residenti dell’area stazione/Carducci. Ogni opera pubblica e intervento sul trasporto locale sono sottoposti dal 1995 alla legge 447, che disciplina l’inquinamento acustico e ai successivi adeguamenti normativi di carattere regionale. Avendoci lavorato sopra per spostare il capolinea, Persiani e Guidi ormai conosceranno perfettamente questi aspetti normativi ma vorremmo che ci fossero le rassicurazioni del caso per i residenti di questa parte di città».

«Sarebbe bene – proseguono da Mcc – esporre alla cittadinanza i risultati della relazione di clima acustico, prevista dalla normativa, derivanti dalla modifica della viabilità e dello spostamento del capolinea. Sono anni che molti residenti di Via Carducci, ma anche della Stazione, lamentano un peggioramento delle condizioni di inquinamento acustico e ambientale derivanti dal fatto che Via Carducci è diventata lo snodo principale del traffico cittadino. L’aver realizzato svariate rotonde ha aumentato la velocità e il flusso di mezzi, molti dei quali pesanti e dunque oggi portare tutti i bus alla stazione modifica pesantemente l’impatto acustico nell’area e aumenta notevolmente anche l’emissione di polveri. Giustamente si è risolto il disagio della centralissima via Europa non vorremmo però che lo si fosse spostato semplicemente nell’area Carducci/Stazione, dando origine ad una discriminazione sociale di carattere ambientale: in centro massima attenzione e nelle periferie il rifiuto di ciò che viene dal centro. Attendiamo insieme ai residenti che vengano forniti i documenti con i dati sulle valutazioni preventive effettuate in questi mesi».