Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Morti sospette al Noa, Quartini: «Serve un’analisi degli ultimi 5 anni»

Il consigliere del M5s: «Solo con un quadro complessivo dell’andamento regionale dei decessi è possibile inquadrare meglio gli eventi di Massa»

Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Andrea Quartini interviene in merito alla vicenda delle 33 morti sospette presso l’ospedale Noa di Massa e per le quali è stato iscritto nel registro degli indagati il primario di medicina generale. “È competenza dell’autorità giudiziaria accertare i fatti contestati. Non essendo opportuno al momento esprimere alcun giudizio in merito, ritengo però importante sottoporre – con una mia interrogazione alla giunta – tutta la sanità toscana a un’analisi dei decessi ospedalieri negli ultimi cinque anni” afferma Quartini.

“Occorre valutare – prosegue il consigliere pentastellato – se i decessi, per numero o tipologia, possano discostarsi dagli standard previsti. La questione, infatti, è relativa alla possibilità che le morti – al di là del loro numero – possano essere legate in maniera causale o concausale anche a fattori ospedalieri. Solo con un quadro complessivo dell’andamento regionale dei decessi è possibile inquadrare meglio gli eventi di Massa e capire se vi siano state anomalie e di quale genere. Certo è che la medicina territoriale soffre ancora in modo significativo, in chiave organizzativa, nel dare le dovute cure a malati cronici e anziani – specie durante picchi influenzali – generando così un sovraffollamento dei ricoveri ospedalieri e un aumento dei rischi”.