LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lunigiana, odg di Bugliani per messa in sicurezza territorio dopo le alluvioni

Il consigliere regionale Pd chiede che a partire dalla prima variazione di bilancio utile venga inserita la possibilità di sostenere le opere necessarie dopo l’ondata di maltempo dei giorni scorsi

Più informazioni su

Sostenere la realizzazione delle opere necessarie in Lunigiana per ripristinare i danni causati dalle forti alluvioni dell’11 e 12 dicembre scorsi, con uno stanziamento da inserire a partire dalla prima variazione di bilancio utile. È ciò che chiede un ordine del giorno collegato alla manovra finanziaria al voto oggi in Consiglio regionale toscano, approvato dall’assemblea toscana e promosso da Giacomo Bugliani, presidente commissione Affari istituzionali.

“Una forte ondata di maltempo nei giorni dell’11 e 12 dicembre scorso ha colpito la provincia di Massa Carrara, in particolare i comuni di Tresana, Casola in Lunigiana, Fivizzano e Aulla, provocando una serie di frane che hanno interessato diverse strade. – spiega Bugliani – Eventi metereologici gravi che hanno fin da subito destato allarme, dal momento che con urgenza il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha proclamato lo stato di emergenza regionale. Da una prima ricognizione dei danni è emersa la necessità di un intervento straordinario al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza delle arterie stradali compromesse e dei versanti erosi dalle piogge. È urgente quindi che la Regione si attivi quanto prima a sostegno delle Amministrazioni comunali e della Provincia, a partire dalla prima variazione di bilancio utile, per stanziare risorse da destinare alla messa in sicurezza di un territorio, già in passato messo in ginocchio dal maltempo e che necessita quindi di ogni forma di supporto e di tutte le istituzioni in campo. Sono convinto che la Regione non si farà trovare impreparata e garantirà come ha già fatto per tanti altri territori gravemente colpiti tutto il sostegno possibile”.

Più informazioni su