Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

La Lega a Montignoso presenta una mozione contro il modello toscano di gestione dei rifiuti

Cella: "Chiedo al consiglio comunale di prendere posizione contraria alla riforma regionale"

Andrea Cella, consigliere comunale della Lega Nord di Montignoso, ha presentato una mozione che verrà posta in discussione nel consiglio comunale di giovedì prossimo contro il modello toscano della gestione dei rifiuti.

“La Regione deve superare i conflitti di interesse generati dalla normativa in vigore sulla gestione dei rifiuti, perché tendono a verificarsi sovrapposizioni tra gli organismi di controllo e i soggetti gestori”, si legge nel testo della mozione.

Cella ha spiegato: “E’ infatti volontà della Giunta regionale riorganizzare il servizio di gestione dei rifiuti attraverso la creazione di un solo Ambito Territoriale Ottimale e la costituzione di un solo ente che assumerà le funzioni attualmente svolte dalle tre Autorità attuali (AATO Toscana Centro, AATO Toscana Costa, AATO Toscana Sud)”.

“La Regione Veneto ha lasciato libertà d’iniziativa e di associazione ai comuni – ha spiegato il consigliere – suddividendo il territorio in 12 bacini omogenei e svolgendo a livello regionale le sole attività di controllo e di indirizzo. Col modello toscano attuale si arriverà invece a una gestione unica in cui la regione sarà controllore e controllata, cosa che riteniamo da scongiurare fortemente anche alla luce delle vicende giudiziarie riguardanti l’AATO Toscana Sud.”

“Con la mozione impegno quindi il consiglio comunale a prendere posizione contraria rispetto a questa riforma regionale toscana; impegno anche il Sindaco a scongiurare gli attuali meccanismi che danno possibilità ai comuni sia di costituire enti di controllo sia di partecipare ai bandi di gara per la gestione dei rifiuti, come società di diritto privatistico; infine impegno il Sindaco di Montignoso a farsi portavoce per la richiesta di maggiore autonomia ai Sindaci sulla scelta delle modalità di affidamento del servizio e sulla delimitazione degli ambiti territoriali,” ha concluso Cella.