Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Gianfranchi: "All’amministrazione chiediamo chiarezza sul Waterfront e sui curricula degli assessori"

La consigliera: "Sulle nuove modalità di partecipazione le idee sono poche e confuse"

Ieri, all’incontro tra la seconda commissione consigliare e il consiglio di cittadini di Marina di Carrara ha partecipato attivamente anche la consigliera Carla Gianfranchi, che ha preso la parola di seguito a Sirio Genovesi. “Nel mio intervento di ieri, ho esordito dicendo che il tema della partecipazione mi è molto caro – ha dichiarato la consigliera – e ricordando che, con l’associazione Amaremarina di cui sono vicepresidente, abbiamo avviato un primo percorso partecipativo che verteva sul Waterfront: un tema che mi sta particolarmente a cuore”.

“Non ho capito come la nuova amministrazione intenda sostituire i consigli – ha affermato Gianfranchi – questa cosa così nebulosa mi spaventa. Ho chiesto a mia volta maggiore partecipazione, e soprattutto trasparenza, da parte della nuova amministrazione: i cittadini non hanno assistito alla pubblicazione dei curricula degli aspiranti assessori. Vorrei anche che fossero resi pubblici i criteri di scelta e i selezionatori degli assessori Maurizio Bruschi e Sara Scaletti. Qualche consigliere, tra cui Marzia Paita mi ha tacciato di essere fuori tema rispetto all’ordine del giorno. La domanda, insomma, è stata evasa”.

“Il consiglio dei cittadini nasce dalla forte volontà della precedente amministrazione di sostituire le circoscrizioni, decadute per legge, come organi decentrati di partecipazione. Di certo il regolamento dei consigli andrebbe rivisto – ha sottolineato Gianfranchi – poiché risulta carente in molte parti: ad esempio, non esiste alcuna regola per cui i membri assenteisti possano decadere. Tuttavia, prima di decidere per l’eliminazione dei consigli ci sarebbe stato bisogno di chiarirsi le idee sulle modalità di partecipazione sostitutive”.

“Non condivido l’intervento di Paolo Vatteroni – ha precisato la consigliera – perché credo che i consigli dei cittadini sono più che legittimati dalle votazioni avvenute. Ci sono consiglieri dei cittadini che hanno ottenuto più preferenze di coloro che oggi siedono in consiglio comunale”.

“Il consiglio di Marina ultimamente ha inviato due lettere: una, rivolta al sindaco Francesco De Pasquale e all’assessore Andrea Raggi verte sulla richiesta di documentazione su stato dell’arte del Waterfront, in particolare del primo lotto; la seconda, rivolta al solo sindaco, chiede quali misure egli intenda adottare per ripristinare il decoro di Piazza Gino Menconi e pinete adiacenti”.